Salta al contenuto
10 giu 2019

REbuild 2019 | (Re)Making cities

REbuild, quest'anno, sarà dedicata al (RE)making cities ed esplorerà come le innovazioni più recenti nelle costruzioni, le nuove infrastrutture digitali e i nuovi approcci allo sviluppo immobiliare possano essere una leva per la rigenerazione dei quartieri e delle città.

La tre giorni, che negli anni scorsi si è tenuta a Riva del Garda, si sposta a Milano, città dove oggi l’innovazione si concretizza con casi di eccellenza anche internazionale e dove si declina con uno sviluppo attento ai temi sociali e ambientali.

Mercoledì 26 giugno, la sezione lombarda di GBC Italia vi dà appuntamento al Green Cities Breakfast dalle 9.00 alle 10.00. Partendo dal caso studio della città di Milano e la recente pubblicazione della mappa degli edifici certificati “Milano  Green  City” si aprirà un confronto  informale per creare l’identikit dei nuovi sviluppatori green e dei nuovi attori dell’ advisory e property management sostenibile. Visualizza qui il programma.

I soci di GBC Italia che volessero partecipare a Rebuild possono godere di uno sconto del 30% sulle tariffe ufficiali di registrazione EARLY BIRD valide fino al 18 giugno. Richiedi il codice sconto a eventi@gbcitalia.org.

Clicca qui per procedere con l'iscrizione.

Continua a Leggere »
10 giu 2019

I vantaggi di essere socio

Far parte di GBC Italia consente di godere di molti benefici, tra cui un importante network di professionisti della sostenibilità, la visibilità sui principali canali di comunicazione dell’associazione, corsi di formazione e tariffe di certificazione a prezzo agevolato e molto altro... Clicca qui per scoprire tutti i vantaggi.

Ti segnaliamo, inoltre, anche le seguenti opportunità del momento esclusive:

Rivista digitale INGENIO completamente gratuita, che riceverai direttamente nelle tua casella email.

Sconti per partecipare ai convegni de il Quotidiano Immobiliare (200€+Iva anziché 366€):

4 luglio: Architettura e ingegneria, progettazione immobiliare
5 settembre: I servizi, valore aggiunto del real estate
3 ottobre: Mercato residenziale, tecnologia, materiali e impianti
21 novembre: Cantieri d’Italia

Sconto del 30% sulle quote di iscrizione all’edizione 2019 di REbuild, di cui GBC Italia sarà uno dei principali protagonisti (sconto valido fino al 18 giugno)

Sconti per la partecipazione a Piazza Toscana - Firenze del 4 luglio 2019 nella formula Basic Azienda (350€ anziché 450€)

 

Affrettati per non perdere queste occasioni! Per maggiori informazioni scrivi a: marketing@gbcitalia.org


Ricordiamo a tutti i Soci che per partecipare all'Assemblea Nazionale dei Soci di GBC Italia, sarà necessario essere in regola con il pagamento della quota associativa. L'Assemblea, che si terrà a Roma il 14 giugno p.v., sarà anticipata dal convegno (aperto a tutti) "Cambiamenti climatici, resilienza e rigenerazione urbana".

Continua a Leggere »
06 giu 2019

GBC Italia a Piazza Toscana

Il 4 luglio a Firenze si terrà l'edizione 2019 di Piazza Toscana, l'evento promosso dalla Compagnia delle Opere Toscana con lo scopo di fare rete e stabilire opportunità di networking tra Professionisti, PMI, Startup e Grandi Aziende provenienti da tutta Italia.

GBC Italia sarà tra i protagonisti della giornata, con un workshop, organizzato in collaborazione con Consorzio LegnoLegno, dal titolo "Edilizia sostenibile – Le tendenze internazionali ed esperienze nazionali: le buone pratiche toscane”.

L’evento, che vedrà la presenza, tra gli altri, del Vicepresidente di GBC Italia Marco Mari e del Segretario Chapter Toscana di GBC Italia Mirta Paglini, si concentrerà sulla sostenibilità del costruito quale obiettivo di fondamentale importanza in uno scenario globale che vede nel progressivo inurbamento della popolazione mondiale uno dei driver più significativi.

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.


Opportunità per i Soci di GBC Italia

Ai propri associati, GBC Italia ha garantito prezzi agevolati per la paretcipazione nella formula Basic Azienda (€350+iva anziché €450+iva)! Tale formula prevede: 

  • Desk personalizzato
  • Partecipazione per due persone (2 pass)
  • Vetrina ed area riservata sul portale per prenotare gli appuntamenti ed incontri
  • Light lunch
  • Partecipazione gratuita agli workshop, tavoli di Lavoro e progetti aziendali


Contattaci per ricevere ulteriori informazioni: marketing@gbcitalia.org.

 

Continua a Leggere »
05 giu 2019

Misurare la sostenibilità di insediamenti urbani e comunità

Il 31 maggio si è svolto a Milano il workshop organizzato da GBC Italia in collaborazione con Ambiente Italia e Legambiente per affrontare il tema della misurazione della sostenibilità delle città e presentare il primo caso di applicazione del protocollo GBC Quartieri: UPTOWN a Milano.

In quanto associate ad ASViS, le tre organizzazioni hanno proposto nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile, una iniziativa di approfondimento e confronto, che ha contribuito a consolidare il know how dell’Alleanza con specifico riferimento al SDG (Sustainable Development Goal): “Città e Comunità Sostenibili”.

La sostenibilità delle città e degli insediamenti urbani è un obiettivo di fondamentale importanza in uno scenario globale che vede nel progressivo inurbamento della popolazione mondiale uno dei driver più significativi. Affrontare questa sfida significa darsi strumenti di pianificazione e intervento, ma anche di rendicontazione e reporting. Diverse esperienze si sono sviluppate in ambito internazionale e in Italia negli ultimi decenni.

A livello internazionale USGBC sta elaborando una sua proposta di rating di sostenibilità per l’ambiente urbano (“LEED for Cities”), e sta curando una più articolata e solida formulazione di un protocollo “LEED for Cities and communities”. In Europa sono state un riferimento importante le prime esperienze che si sono consolidate nel quadro del movimento delle Città Sostenibili, come gli European Common Indicators, gli indicatori di valutazione per il Green Capital Award, il Reference Framework for Sustainable cities, il progetto Informed Cities.

GBC Italia ha per parte sua sviluppato il protocollo “GBC Quartieri”, potenziale tassello di un più esteso sistema di rating ambientale delle città italiane, tanto che anche a partire dalla presentazione di “LEED for Cities” in Italia. GBC Italia ha attivato un gruppo di lavoro, guidato Mario Zambrini, consigliere esecutivo di GBC Italia e AD di Ambiente Italia, che sta lavorando ad un position paper per definire i confini, i limiti e le potenzialità della applicazione dei sistemi di rating ambientali per le città italiane.

Nella realtà quotidiana di milioni di abitanti delle metropoli mondiali, quello urbano è un ambiente inquinato, rumoroso, violento, alienante. – afferma Zambrini - Eppure è proprio sulla città che la tendenza all’inurbamento della popolazione mondiale costringe a concentrare gli sforzi di immaginazione, progettazione, sperimentazione e implementazione di soluzioni che consentano di dare alle aree e agli agglomerati urbani adeguate condizioni di vivibilità, accessibilità, resilienza, inclusione sociale. Insomma, anche se, in molti casi, quello di città sostenibile può ancora essere considerato un ossimoro, è su questo terreno che si dovrà giocare – e possibilmente vincere – la sfida di un rapporto non distruttivo fra società umana e pianeta.

Legambiente, con Ambiente Italia, promuove da venticinque anni “Ecosistema Urbano”, un rapporto che – sulla base di un articolato set di indicatori – rendiconta su base annuale le performance ambientali dei 100 comuni capoluogo del nostro paese. La collaborazione con il Sole24 ore ha permesso di integrare il rating di Ecosistema Urbano in altri sistemi di valutazione della qualità della vita e il radicamento di Legambiente nelle città destinatarie della annuale “pagella” ha consolidato il ruolo di Ecosistema come eccezionale stimolo per lo sviluppo politiche ambientali urbane.

“L’importanza di report ambientali delle aree urbane in grado di disegnare un quadro attendibile della sostenibilità, è sempre più evidente. – afferma Mirko Laurenti, responsabile del rapporto Ecosistema Urbano di Legambiente – Legambiente è stata la prima associazione a porsi l’obiettivo dell’analisi dell’ambiente urbano. Sulla scia dello stimolo di Legambiente, sono arrivati poi gli studi di Istat, Ispra e altri ancora. Ecosistema Urbano raccoglie ogni anno, tramite questionari, interviste e altre fonti statistiche, informazioni su 125 parametri ambientali per un corpus totale di oltre 125 mila dati. Questa raccolta viene sintetizzata in 17 diversi indicatori di qualità ambientale. Si tratta di un report che con il tempo è divenuto una pietra miliare del reporting ambientale, mantenendo una invidiabile capacità di aggiornarsi e rinnovarsi”.

Tra i relatori istituzionali, l’Assessore alla mobilità e ambiente del Comune di Milano Marco Granelli che durante i saluti iniziali ha dichiarato che Milano pone l’attenzione su una visione complessiva della città e colloca il tema ambientale con una rilevanza strategica. “Ci vogliono azioni nel territorio che sappiano mettere insieme più dimensioni, segmenti e risorse. Le comunità e i quartieri possono fare il cambiamento e strumenti come i rating system mettono a disposizione degli indicatori che permettono di individuare una strategia e consentono al cittadino di riconoscersi e posizionarsi in determinati parametri e valori.” L’assessore ha quindi ringraziato le associazioni per il loro contributo e per aiutare la città di Milano a realizzare delle buone pratiche contribuendo a cambiare il sistema.

Durante il workshop è stata presentata l’esperienza di applicazione del protocollo GBC Quariteri al progetto UPTOWN, il nuovo quartiere di Cascina Merlata.

Si tratta di un lavoro straordinario – ha commentato Attilio Di Cunto, ad di EuroMilano – UPTOWN è il primo quartiere italiano a perseguire una certificazione non per singolo building, ma per tutto il distretto. Puntiamo al riconoscimento di quanto l’intero masterplan sia stato orientato all’ecosostenibilità, per garantire un’alta qualità della vita ai residenti, mantenendo però un prezzo accessibile. Possiamo considerare UPTOWN un caso esemplare, un’eccellenza, il contributo di EuroMilano a una nuova cultura dell’abitare, rispettosa dell’ambiente e della persona. UPTOWN risponde a tutti questi requisiti e a molto altro. La genesi del progetto, con molta lungimiranza, mirava proprio a mantenere un elevato standard qualitativo. Puntiamo al massimo punteggio nella certificazione GBC Quartieri® e miriamo a diventare noi stessi uno standard per le certificazioni successive”.

“I protocolli di certificazione energetico ambientali per gli edifici o per i quartieri, sono un valido strumento per rispondere a esigenze di garanzia di qualità terza parte e trasparenza, perché forniscono parametri chiari a tutti gli operatori della filiera: dagli sviluppatori immobiliari agli utenti, passando per progettisti, costruttori, fornitori. – ha affermato Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia - Tutti possono far riferimento a un linguaggio strutturato di filiera e di comunità. I casi di certificazioni di porzioni di territorio sono ancora rari in Italia. Per questo siamo orgogliosi che un progetto pioneristico come UPTOWN sia il primo a sperimentare la certificazione GBC Quartieri”.

Visualizza gli atti del convegno qui.

Continua a Leggere »
31 mag 2019

Roma e Green Building: the new normal della città eterna

Editoriale di Giuliano Dall’Ò, Presidente GBC Italia

Le nostre città stanno cambiando sotto i nostri occhi, è l’effetto di quello che abbiamo definito Rinascimento 2.0, il rinascimento “green”. Vorremmo che questo cambiamento fosse ancora più rapido e ci stiamo impegnando per questo: non solo noi di GBC, ovviamente, ma tutti gli attori direttamente o indirettamente coinvolti: ricercatori, singoli professionisti, associazioni, imprese e aziende ma anche semplici cittadini, che si riconoscono nei 17 obiettivi per lo sviluppo sostenibile contenuti nell’agenda 2030 dell’ONU.

È corretto non abbassare la guardia e guardare avanti, siamo tutti d’accordo, tuttavia crediamo sia controproducente dire che fino ad oggi non è stato fatto nulla: anche questo tipo di negazionismo non paga. Dobbiamo guardare avanti comunicando e diffondendo quelle buone pratiche che rappresentano già la nostra realtà. E tra queste possiamo e anzi dobbiamo considerare gli edifici green già realizzati o in fase di realizzazione. Edifici green certificati, non importa con quale schema purché ci sia serietà.

È stata molto apprezzata la mappa creata, stampata e distribuita della città di Milano, la città che abbiamo considerato un po' la Firenze del nuovo Rinascimento. Un oggetto cartaceo, apparentemente desueto, eppure ancora in grado di trasmettere suggestioni positive: il reale si tocca, il virtuale si immagina. Tutta la nostra vita odierna, attraverso le APP, si concentra nel nostro smartphone che diventa una sorta di lampada di Aladino (fenomenali poteri cosmici, in minuscoli spazi vitali) al quale possiamo chiedere tutto ciò che vogliamo.  Se lo smartphone è la chiave d’ingresso per la città virtuale, la mappa è la guida per la città reale, fatta non solo di edifici ma anche di spazi che possiamo percepire, amare o odiare, ma comunque spazi veri.

Non era ancora completata la mappa di Milano Green City che già ci balenava l’idea di pensare ad una mappa “green” di Roma, la più bella città del mondo.

Questa nuova guida alla città eterna ora è una realtà e sarà presentata tra pochi giorni, il 14 giugno, proprio a Roma in occasione del convegno: “Cambiamenti climatici, resilienza e rigenerazione urbana” (clicca qui) che abbiamo organizzato la mattina prima dell’assemblea dei soci di GBC Italia.

Non è stato facile fare emergere la bellezza degli edifici green, che non sono pochi, all’interno di una città come Roma che è da più di 2000 anni la città green per antonomasia. Pensiamo al suo valore storico che abbraccia praticamente tutte le epoche, pensiamo agli spazi verdi e a quel clima invidiabile che ci consente di applicare da sempre i principi della bioclimatica. Roma è un esempio storico di applicazione dei principi dell’economia circolare, anche se noi avremmo preferito che i monumenti delle diverse epoche fossero rimasti integri.

Se il nuovo Rinascimento green conferisce a Milano una bellezza che la città col tempo ha perso, nel caso della nostra capitale la situazione è molto differente: il rinnovamento green in questo caso deve fare i conti con una struttura urbana consolidata da millenni di una città storica che è già bellissima! Occorre tener conto delle diversità morfologiche che distinguono Roma da Milano: attuare un piano di mobilità sostenibile a Milano è molto più semplice, mentre a Roma le criticità sono evidenti anche solo considerando le tante città che stanno sotto e la variazione altimetrica che non consente di replicare schemi che in città “piatte” funzionano.

Eppure è una sfida da cogliere e Roma, anche con i suoi tempi, lo sta già facendo. Non solo con i suoi circa 60 edifici green certificati (che non sono comunque pochi), ma anche con le politiche che le amministrazioni stanno portando avanti. Consideriamo poi che Roma non è solo il centro storico, ma la città metropolitana da 4.350.000 abitanti. La sfida delle sfide è quella di valorizzare le zone periferiche nelle quali la pianificazione green può contribuire al cambiamento. 

Roma si merita una mappa che non sia solo la foto di una situazione reale, ma un vero e proprio manifesto di sostenibilità dove la grande bellezza dell’ambiente si coniuga a quella del valore storico.

Roma non rinuncia all’innovazione e ai suoi edifici green, nonostante la grandezza di un patrimonio storico e culturale unico al mondo da preservare.

Continua a Leggere »
30 mag 2019

GBC Italia a Sustainable Places 2019

Dal 5 al 7 giugno si terrà a Cagliari l'edizione 2019 di Sustainable Places, la conferenza internazionale che si propone come piattaforma per la promozione e divulgazione dei progetti e delle ricerche più innovativi in ambito di edilizia sostenibile.

L'evento, oltre ad essere un'occasione di networking per tutti gli stakeholder delle filiera edilizia, affronta in maniera olistica gli obiettivi della sostenibilità e della lotta al cambiamento climatico globale, abbracciando tutte le scale del costruito, dall'edificio, al quartieri, alla città, con uno sguardo approfondito anche sulle infrastrutture e le risorse energetiche.

Alla conferenza, giunta alla settima edizione, sarà presente anche GBC Italia con due appuntamenti da non perdere; di seguito i dettagli.


5 giugno
I criteri ambientali minimi ed i protocolli energetico ambientali
Dalla Sardegna al contesto europeo

L'evento, volto ad inaugurare l’attività formativa del Chapter Sardegna, avrà come focus i Criteri Ambientali Minimi - D.M.11.10.2017, sui quali verrà fornito un inquadramento generale alla luce delle esperienze dei protocolli sui Green Building nazionali ed internazionali.

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.


6 giugno
BUILD UPON²: launches the Italian cluster for building renovation initiatives in cities
Workshop

GBC Italia in collaborazione con Sustainable Places organizza un workshop dedicato al lancio del cluster italiano di Build Upon2, mirato a coinvolgere città e parti interessate in azioni di progetto ed eventi di newtorking.

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.


Per tutte le altre informazioni, visita il sito ufficiale dell'evento: www.sustainableplaces.eu
Continua a Leggere »
28 mag 2019

Il protocollo GBC Historic Building diventa internazionale

Si è svolto a Venezia il 22 e 23 maggio il workshop internazionale organizzato da UNESCO, in collaborazione con GBC Italia, per discutere di innovazione tecnologica e strumenti energetico ambientali, come il protocollo GBC Historic Building, per il patrimonio architettonico esistente e gli edifici storici.

L’evento, nella prima giornata ha approfondito le innovazioni dei sistemi geotermici per il riscaldamento e il raffreddamento sviluppate nell'ambito del progetto H2020 Cheap-GHSP; nella seconda giornata, ha permesso di discutere ed esplorare le potenzialità del protocollo italiano GBC Historic Building, primo sistema di valutazione energetico-ambientale al mondo che può colmare il divario tra efficienza energetica, sostenibilità ambientale e conservazione del patrimonio storico-testimoniale.

Nel panel organizzato da UNESCO e GBC Italia la discussione si è incentrata sulla necessità di promuovere l’adozione di approcci interdisciplinari per rafforzare l'innovazione tecnologica e le pratiche di sostenibilità applicate agli edifici storici inseriti nei siti designati dall'UNESCO e del patrimonio culturale edilizio in generale.

Dopo il successo della precedente tre giorni organizzata in dicembre 2018 da UNESCO e GBC Italia in collaborazione con il Comune di Ferrara” - ha dichiarato Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia - “in questa due giorni organizzata presso la prestigiosa sede UNESCO di Venezia siamo particolarmente orgogliosi di aver formalmente avviato il processo di internazionalizzazione del protocollo GBC Historic Building con il coinvolgimento diretto e la presenza di importanti partner come USGBC e World GBC che rappresentano le più grandi e attive community internazionali per l’edilizia sostenibile.”

Al tema del protocollo GBC Historic Building e al processo di internazionalizzazione è stata dedicata una intera sessione denominata: “Technology and Green Building certification for a sustainable built heritage”.

“Mi congratulo per l’impegno della community italiana nello sviluppare il primo protocollo energetico ambientale nazionale, GBC Historic Building, che integra patrimonio, efficienza energetica e sostenibilità rivolgendosi direttamente al restauro e alla conservazione degli edifici storici. – ha dichiarato Mahesh Ramanujan, Presidente e CEO di USGBC, nel video trasmesso – E non vedo l'ora di integrare assieme a GBC Italia queste buone pratiche nell’ambito del sistema internazionale LEED.”

“Gli accordi di Parigi, e anche le direttive europee, impongono che al 2050 tutti i nostri edifici siano a emissioni pari a zero, ma poiché dobbiamo anche rispettare il patrimonio storico che ereditiamo, in questo campo GBC Italia giocherà un ruolo determinante nei prossimi anni. – ha dichiarato James Drinkwater, direttore della rete europea del World GBC “Una riqualificazione sostenibile del patrimonio architettonico storico non ha eguali nel mondo: l'Italia è in assoluto un punto di riferimento e sarà decisiva per assicurare che questa sfida sia compatibile con i bisogni della società. Il lavoro di GBC Italia sugli edifici storici, con lo sviluppo di GBC Historic Building, rappresenta un punto di riferimento per la ricerca, uno strumento fondamentale, poiché ogni altro paese in Europa inizia ad affrontare questo spinoso problema ponendosi domande stringenti su come fare a decarbonizzare gli edifici esistenti? E in particolare gli edifici storici?”

La sessione, oltre alle qualificate relazioni e contributi a cura di UNESCOUSGBC e World GBC, ha visto importanti relazioni, tra le quali quelle di Alfredo Pini della direzione generale di ISPRAMaria Adelaide Ricciardi, della direzione generale Educazione e Ricerca del MiBACAlessandro Zanini, presidente di AssorestauroSilvia Paparella, di Ferrara Fiere per Remtech Expo e Salone internazionale del RestauroAndrea Fornasiero, presidente del comitato standard di GBC Italia e il contributo di Daniele Guglielmino, di GBCI.

 
Cheap-GSHP Project Final Conference
Continua a Leggere »
27 mag 2019

upTOGREEN 4.0: il nuovo accordo tra Chapter Piemonte e CNA Costruzioni Piemonte

Il Progetto upTOGREEN vive una nuova fase di rilancio grazie al nuovo accordo tra CNA Costruzioni Piemonte e il Chapter Piemonte di GBC Italia, firmato in data il 23 maggio scorso.

 

"Le finalità del progetto upTOGREEN 4.0 si propongono - dice Massimiliano Fadin Segretario del Chapter Piemonte - di sviluppare modelli formativi, rivolti alla qualificazione e accreditamento professionale delle imprese che operano nel settore delle costruzioni fornendo loro un innalzamento culturale nel campo della costruzione sostenibile, strumenti per il progetto, la costruzione e la gestione efficiente dei manufatti edilizi. Lo sviluppo della cultura e della pratica della sostenibilità energetico-ambientale alla scala edilizia ed urbana costituisce per le imprese occasione di incremento del proprio know-how e del proprio livello di competitività sul mercato.

La novità rispetto alla passata edizione è il coinvolgimento nel progetto degli ordini professionali della provincia di Torino. Infatti Architetti, Ingegneri e Geometri entreranno attivamente a far parte del progetto fornendo i propri contributi in termini di conoscenze ed esperienze al fine di contribuire a delineare progetti formativi in linea con le esigenze dei propri iscritti ai relativi ordini."

 

E' possibile visitare il sito www.uptogreen.it, per aggiornamenti relativi alle nuove fasi di sviluppo del progetto e degli attori coinvolti.

Continua a Leggere »
24 mag 2019

GBC Quartieri®: UPTOWN è il primo smart district italiano in lizza per la certificazione

La filiera dell’edilizia è da tempo riconosciuta avere un discreto impatto ambientale. EuroMilano ne è da sempre consapevole e per questo nelle proprie operazioni ha progettato seguendo le migliori pratiche orientate all’analisi del territorio, alla scelta e rigenerazione delle aree in rapporto alla preservazione ambientale, promuovendo la connessione ai trasporti pubblici, le relazioni di aree con strutture preesistenti, la creazione e sviluppo di servizi e funzioni sociali.

Per tale ragione EuroMilano ha aderito in qualità di socio alla principale community nazionale dell’edilizia sostenibile, il Green Building Council Italia (GBC Italia). Insieme a essa ha avviato, con il supporto di Review, società del gruppo EuroMilano, il processo di certificazione per UPTOWN, in conformità al protocollo energetico-ambientale GBC Quartieri®

Attualmente UPTOWN è il primo progetto di sviluppo nazionale formalmente registrato ai fini della certificazione secondo il protocollo GBC Quartieri® e si appresta a ricevere un ampio spettro di verifiche, sia in fase progettuale sia in fase realizzativa, a garanzia delle reali prestazioni raggiunte. 

GBC Quartieri® è il protocollo di certificazione nazionale sviluppato da GBC Italia sulla base delle migliori esperienze internazionali grazie ad una importante partnership con USGBC, proprietario dei protocolli LEED (Leadeship in Energy and Environmental Design). 

GBC Quartieri® si applica ai progetti di aree oggetto di riqualificazione o di nuove espansioni, che promuovono tra gli obiettivi primari le prestazioni di sostenibilità ambientale del territorio, delle infrastrutture, delle dotazioni e degli edifici sostenibili. Nello specifico, il processo di certificazione (terzo e indipendente) fornirà una misura del valore degli interventi che promuovono un approccio integrato alla qualità della vita, alla salute pubblica e al rispetto per l’ambiente.

“Le attività di certificazione di UPTOWN sono iniziate e stanno proseguendo come da programma – afferma Stefano Elli, socio fondatore di Review – il pre-assessment e la verifica di compatibilità del sito sono state concluse confermando le nostre aspettative e siamo in fase di completamento della verifica di progetto previsto per la fine di maggio. Con la conclusione di tali fasi iniziali si arriverà alla pre-certificazione GBC Quartieri®. L’attuale proiezione del livello di rating previsto, che puntiamo ad ottenere alla fine della realizzazione di UPTOWN, è quella corrispondente alla fascia più alta di punteggio, il livello Platino, a testimonianza del valore della qualità ambientale e sociale dell’iniziativa di EuroMilano”.

“Il mondo dell'edilizia ha sempre più bisogno di trasparenza e garanzie di terza parte sulla qualità del costruito che non può prescindere dal tenere in considerazione le esigenze ambientali, economiche e sociali - sostiene Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia - I protocolli di certificazione energetico ambientali sono un valido strumento per rispondere a queste esigenze, fornendo parametri chiari a tutti gli operatori della filiera: dagli sviluppatori immobiliari agli utenti, passando per progettisti, costruttori, fornitori. Tutti possono far riferimento a un linguaggio strutturato di filiera e di comunità, nel caso di GBC Quartieri. I casi di certificazioni di porzioni di territorio sono ancora rari in Italia, per questo siamo orgogliosi che un progetto pioneristico come UPTOWN sia il primo a sperimentare la certificazione GBC Quartieri, sviluppata per il territorio nazionale sulla base di LEED, il protocollo internazionale più diffuso al mondo.”

“Si tratta di un lavoro straordinario – ha commentato Attilio Di Cunto, ad di EuroMilano – UPTOWN è il primo quartiere italiano a perseguire una certificazione non per singolo building, ma per tutto il distretto. Puntiamo al riconoscimento di quanto l’intero masterplan sia stato orientato all’ecosostenibilità, per garantire un’alta qualità della vita ai residenti, mantenendo però un prezzo accessibile. Possiamo considerare UPTOWN un caso esemplare, un’eccellenza, il contributo di EuroMilano a una nuova cultura dell’abitare, rispettosa dell’ambiente e della persona. UPTOWN risponde a tutti questi requisiti e a molto altro. La genesi del progetto, con molta lungimiranza, mirava proprio a mantenere un elevato standard qualitativo. Puntiamo al massimo punteggio nella certificazione GBC Quartieri® e miriamo a diventare noi stessi uno standard per le certificazioni successive”.

Il prossimo 31 maggio GBC Italia, in collaborazione con Legambiente e Ambiente Italia, e con il contributo di EuroMilano, organizzerà il workshop “Misurare la sostenibilità di insediamenti urbani e comunità”, nell’ambito del Festival dello sviluppo sostenibile promosso da Asvis.

Appuntamento alle ore 14 presso Cascina Merlata Conference Hall, via P.P. Pasolini 3, Milano.

Continua a Leggere »
23 mag 2019

Promuovere la riqualificazione di edifici a basse emissioni in Europa

In occasione della Conferenza Globale URBAN FUTURE in corso a Oslo, il World Green Building Council e i suoi partner, tra cui GBC Italia, annunciano l’avvio di BUILD UPON2; un progetto che contribuirà ad accelerare la riqualificazione degli edifici nelle città europee.

Oggi, la rete europea del World Green Building Council in collaborazione con otto città e otto GBC, tra cui GBC Italia, ha annunciato il lancio di BUILD UPON2, la seconda fase del più grande progetto collaborativo al mondo per la riqualificazione degli edifici.

In un contesto in cui le città di tutto il mondo dichiarano l’emergenza climatica e le azioni per il clima risultano in cima all'agenda delle elezioni europee, questo progetto finanziato dall'Unione Europea consentirà alle città di tutta Europa di unire le forze con i governi e le industrie nazionali per decarbonizzare lo stock di edifici esistenti entro il 2050. BUILD UPON2 consoliderà l’efficacia e l'attuazione delle strategie nazionali di riqualificazione del costruito come previste dalla direttiva UE sulle prestazioni energetiche degli edifici (EPBD).

Le otto città pilota che saranno attivamente coinvolte nel progetto sono:

  • Velika Gorica, Croazia

  • Budaörs, Ungheria

  • Dublino, Irlanda

  • Padova, Italia

  • Wroclaw, Polonia

  • Madrid, Spagna

  • Eskişehir, Turchia

  • Leeds, Regno Unito

Queste città svilupperanno e testeranno uno schema dell’impatto di riqualificazione su più livelli contenente una serie di punti chiave e indicatori misurabili del progresso, tra cui: riduzione delle emissioni, aumento dell'occupazione e miglioramento della salute. Considerando i dati a livello locale, lo schema collegherà la riqualificazione alle politiche e ai processi decisionali a livello nazionale. L'obiettivo generale del progetto è quello di avere almeno 10 città impegnate pubblicamente a stabilire strategie per la decarbonizzazione degli edifici entro il 2050.

Cristina Gamboa, CEO, World Green Building Council afferma: "Dobbiamo aumentare i nostri sforzi per modernizzare i nostri edifici e rinnovarli per offrire condizioni di vita sane e confortevoli, riducendo allo stesso tempo la domanda di energia. La riqualificazione energetica è una soluzione indispensabile e sostenibile di lungo termine per alleviare la povertà energetica e fornire case più calde per i nostri residenti, scuole più sane per i nostri bambini e costi energetici ridotti per i nostri ospedali e le nostre imprese".

Almeno 50 milioni di europei, circa il 10% della popolazione totale, sono poveri di energia. È risaputo che la povertà energetica, legata al basso reddito familiare, ai costi energetici elevati e alle abitazioni inefficienti, ha gravi ripercussioni sulla salute dei cittadini dell'UE, tra cui un numero maggiore di morti invernali, effetti nocivi sulla salute mentale, problemi respiratori e circolatori.

Una riqualificazione profonda ha benefici di vasta portata per la società poiché l'aumento del comfort interno e della qualità dell'aria evita malattie e morti premature associate al vivere in case fredde e umide. E questo a sua volta riduce la pressione sui servizi sanitari e sociali.

Arturo Lorenzoni, Vice Sindaco di Padova, ha dichiarato: "Padova si impegna a riqualificare gli edifici per migliorare la città per visitatori e cittadini. Riqualificare i nostri edifici contribuirà a rafforzare la nostra crescita economica e offrirà opportunità di impiego per le popolazioni locali. Impareremo dalle città pilota per sostenere il nostro lavoro anche nel resto d'Italia".

BUILD UPON 2 sarà guidato da un consorzio di otto Green Building Council (GBC), tra cui GBC Italia, membri del World Green Building Council, che collaboreranno con il Building Performance Institute Europe (BPIE) e la rete Climate Alliance che guida il Patto dei sindaci (CoM ), che rappresenta oltre 7.000 amministrazioni locali e regionali.

In futuro, questo progetto sarà utilizzato come modello per l'attuazione dell’EPBD dell'UE e per le città del Patto dei Sindaci che si impegnano nella decarbonizzazione del loro patrimonio edilizio, nonché per i governi di tutto il mondo che cercano un orientamento nelle loro strategie nazionali del settore delle costruzioni.

Continua a Leggere »
22 mag 2019

Dall’efficienza energetica alla decarbonizzazione nell’edilizia

Giovedì 6 giugno presso Assimpredil Ance a Milano GBC Italia organizza il convegno dal titolo "Dall’efficienza energetica alla decarbonizzazione nell’edilizia".

La lotta al cambiamento climatico impone una politica delle riduzioni di emissioni di gas climalteranti che al 2050 per la Comunità europea dovranno essere per il settore degli edifici civili pari al -80%, -90%.

Per soddisfare tale obiettivo per gli edifici si dovranno combinare due azioni: la riduzione dei consumi, arrivando a più che dimezzare l’attuale fabbisogno energetico, e l’elettrificazione dei servizi presenti negli edifici. Se tale approccio è ora spinto dagli obblighi normativi, con l’entrata in vigore degli edifici nZEB, la sfida più impegnativa è rappresentata dagli edifici esistenti ed in particolare a quelli con destinazione d’uso residenziale. Alla riduzione del consumo energetico si aggiungono anche altre esigenze/richieste della committenza: oltre all’efficienza deve essere garantita la sicurezza, il comfort migliorato e il valore dell’immobile aumentato e garantito nel tempo. è quindi necessario un approccio che consideri la resilienza dell’edificio e l’utilizzo di strumenti che aiutino e supportino l’intera filiera coinvolta nella riqualificazione profonda di un edificio quali ad esempio i protocolli energetico-ambientali che favoriscono l’integrazione fra le diverse discipline.

Il seminario si pone quindi l’obiettivo di inquadrare il tema da un punto di vista generale procedendo poi a fornire specifiche soluzioni tecnologiche e la presentazione di case history che testimoniano la possibilità di ottenere edifici ad alte prestazioni energetiche.

ISCRIVITI QUI

Info aggiuntive:

Milano | Assimpredil ANCE
Via San Maurilio, 21 | Ore 14.00-17.30

Richiesta CREDITI FORMATIVI PROFESSIONALI (CFP) per Architetti e per Ingegneri inoltrata agli ordini e in attesa di conferma.

Scarica il programma completo dell'evento: clicca qui.

Continua a Leggere »
21 mag 2019

Cambiamenti climatici, resilienza e rigenerazione urbana

Venerdì 14 giugno 2019, in occasione dell'Assemblea dei Soci di GBC Italia, si terrà, a Roma nell'Aula Magna di Palazzo Taverna, il convegno dal titolo "Cambiamenti climatici, resilienza e rigenerazione urbana".

La sostenibilità degli insediamenti urbani è un obiettivo di fondamentale importanza in uno scenario globale che vede nel progressivo inurbamento della popolazione mondiale uno dei driver più significativi. I territori tuttaviadevono essere sostenibili ma anche resilienti, come ben evidenziato nel progetto promosso dalla Rockefeller Foundation “100 Resilient Cities”,che pone tali aspetti al centro delle dinamiche di sviluppo delle città considerandoli tra i più urgenti del nostro tempo.

La morfologia del territorio italiano, le caratteristiche uniche delle grandi e piccole città del nostro paese, impongono un approccio originale e calibrato che possa portare al raggiungimento degli stessi obiettivi che altri paesi in Europa e nel modo si stanno ponendo. Tra le varie esperienze nazionali e internazionali, spiccano quelle promosse dal USGBC con il protocollo di rating dedicato alla sostenibilità dell’ambiente urbano (“LEED 4.1 Cities and communities”), ma anche le metriche sviluppate da GBC Italia con specifici protocolli di certificazione energetico-ambientale tra cui “GBC Quartieri”, “GBC Home”, “GBC Historic Building” per il quale è già avviato un processo di internazionalizzazione assieme a USGBC ed infine il protocollo “GBC Condomini” che primo al mondo vede un’area specifica denominata “resilienza”.

ISCRIVITI QUI

PROGRAMMA

09.30   Registrazione partecipanti convegno

10.00   Apertura dei lavori

Valore e impatto della Community GBC Italia: presentazione della Green Map di Roma
Giuliano Dall’Ò Presidente di GBC Italia  

10.15   Relazioni Introduttive

I protocolli di certificazione energetico-ambientale: trend internazionali e le esperienze italiane
Francesco Bedeschi Segretario Chapter Lazio di GBC Italia

Il mercato residenziale italiano a confronto: trend, valore ed opportunità per una riqualificazione sostenibile
Gianluca Natalini CRIF Real Estate

10.45  Tavola Rotonda

Introduce e modera

Marco Mari
Vicepresidente di GBC Italia

Partecipano:

Direttore Generale Francesco Scoppola e arch. Maria Adelaide Ricciardi
DG-ER Direzione Generale Educazione e Ricerca - MiBAC

Silvano Arcamone
Responsabile lavori pubblici Agenzia del Demanio

Franco Cotana
Università di Perugia Coordinatore GdL 12 “Green Technologies” MIUR

Luca Montuori
Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma

Vincenzo Marini Marini
Sindaco di Ussita

Luigi Adami
Project Management & Engineering Coordinator BNP Paribas

Gianluca Loffredo
ArchLivIng, Coordinatore Comitato Scientifico Geosismica di RemTech Expo

12.45   Prossimi passi ed accordi

13.00   Conclusione convegno

Light lunch (riservato ai Soci di GBC Italia)
Registrazione Soci partecipanti all’assemblea

14.30   Assemblea dei Soci GBC Italia


Scarica il programma completo dell'evento: clicca qui.


Platinum sponsor

     |           |      

Gold sponsor

       |            |      

 


Con il patrocinio di

      |      

Con la collaborazione di

     |           |      
 

     |      


Sponsor tecnico


Media partner

     |      

 

Continua a Leggere »
20 mag 2019

Avviata la sinergia tra ISPRA e GBC Italia

GBC Italia è stata invitata a contribuire ai lavori che si sono tenuti lo scorso lunedì 13 maggio in occasione degli Stati Generali della Protezione, Gestione e Sviluppo del Territorio tra Sostenibilità ed Economia Circolare organizzati a Roma da RemTech Expo, ISPRA, il Sistema Nazionale di Protezione Ambientale Snpa e il Ministero dell’Ambiente. In questa occasione, GBC Italia e ISPRA, all’interno di un percorso promosso da Remtech Expo, hanno posto le basi per una importante collaborazione sui temi inerenti la sostenibilità applicata alla filiera edilizia e all’ambiente costruito.

Marco Mari,Vicepresidente di Green Building Council Italia ha dichiarato “Riteniamo fondamentale il percorso iniziato con ISPRA considerata l’urgenza di aumentare gli sforzi per raggiungere gli obiettivi per il clima. Agire esclusivamente sugli aspetti di contenimento dei consumi energetici non è più sufficiente, serve considerare l’impatto generato dell’intero sistema edificio e dalla sua filiera. Se si considerano i recenti dati dell’Enea[1], risulta palese che l’attuale meccanismo di incentivazione Ecobonus ha consentito ad oggi di raggiungere solo 2,9 Mtep di risparmi energetici cumulati, a fronte dell’obiettivo complessivo al 2020 di 8,4 fissato nell’ambito degli impegni derivanti dalla Direttiva sull’efficienza energetica del 2012. A maggior ragione per raggiungere gli obiettivi sul clima serve utilizzare un approccio più ampio alla riqualificazione edilizia, considerando quanto indicato nei protocolli energetico-ambientali, con tali criteri internazionali si otterrebbero migliori risultati producendo anche altri vantaggi ambientali oltre a quelli energetici, generando ad esempio minori impatti nei cantieri, la riduzione dei consumi di acqua, l’utilizzo di prodotti da economia circolare, fino anche agli importanti aspetti collegati alla salubrità degli ambienti. È necessario aumentare l’efficacia delle azioni e questo accordo rappresenta anche una opportunità per innovare la cultura edilizia e valorizzare nel mondo le buone pratiche operate nel nostro Paese”.

Il protocollo d’intesa siglato tra GBC Italia ed Ispra ha per oggetto quattro linee strategiche di azione:

  • l’attivazione di specifici tavoli di lavoro inerenti i temi di sostenibilità applicati alla filiera edilizia (materiali, prodotti, sistemi, edifici, quartieri e città) e più in generale all’ambiente costruito;
  • l’attivazione di percorsi formativi con particolare riferimento alle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA), sui temi dell’edilizia sostenibile, applicati in ambito pubblico e privato, coerentemente con quanto riferito ai temi di Green Public Procurement (GPP), e relativi strumenti quali ad esempio i Criteri Ambientali Minimi e i protocolli energetico-ambientali;
  • l’attività di ricerca di comune interesse, quale ad esempio la valutazione di impatto dell’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi in edilizia e o dei protocolli energetico-ambientali (rating system)
  • la redazione di progetti finanziati da enti e istituti nazionali, europei e internazionali.


La giornata degli Stati Generali ha affrontato il tema della rigenerazione urbana sostenibile trattando vari temi, dalle bonifiche sostenibili, alla gestione del territorio come sistema complesso, fino all’economia circolare. I lavori sono stati condotti nella sessione mattutina da Alessandro Bratti Direttore Generale di ISPRA e Vice Presidente dell'Associazione Europea delle Agenzie per l’Ambiente, e hanno visto, oltre alla qualificata partecipazione di Green Building Council Italia, il susseguirsi di interessanti interventi. Stefano Laporta, Presidente del Sistema Nazionale di Protezione Ambientale Snpa e Presidente di Ispra, ha sottolineato la necessità di contemplare tra i vari aspetti le bonifiche, considerate “uno strumento imprescindibile per restituire dignità ai territori gravati da anni da fenomeni di inquinamento ma anche una opportunità di rilancio e sviluppo del Paese”. Donato Carlea, Presidente del Consiglio Superiore dei lavori Pubblici, ha ricordato la bellezza e la fragilità del nostro territorio e la necessità di agire sul patrimonio artistico architettonico definito “il volano dell’economia italiana”.

Cinque anni, 20miliardi di euro di valore aggiunto, 416.000 posti di lavoro sono i numeri, ma anche gli obiettivi, che Marco Ravazzolo di Confindustria, ritiene possibili a fronte di un impegno concreto sul fronte del risanamento ambientale, del riutilizzo delle aree bonificate, dell’economia circolare e più in generale della riqualificazione dell’ambiente costruito. Temi ripresi anche da Lucia Leonessi Direttore Generale Cisambiente che ha invitato a pensare alla bonifica come “l’affare verde” del domani.

La giornata è proseguita nel pomeriggio presso la sede di ISPRA a Roma per lo svolgimento dei lavori dei tavoli di confronto permanente tra pubblico e privati promossi dal Sistema Nazionale Protezione Ambiente (Snpa) e RemTech.

Come primo risultato della firma dell’accordo tra GBC Italia, ISPRA e il SNPA è stato avviato un nuovo tavolo denominato “Riqualificazione e Rigenerazione”. Quest’ultimo gruppo coinvolge in particolar modo GBC Italia e avrà come filo conduttore le metriche dei protocolli energetico-ambientali di certificazione della famiglia LEED-GBC, tra cui il recente protocollo per la riqualificazione e rigenerazione delle aree urbane denominato “GBC Quartieri”.


Da sx: Ing. Alfredo Pini Resp area normazione tecnica ambientale ISPRA; Dott. Stefano Laporta presidente ISPRA; Ing. Marco Mari, Vicepresidente GBC Italia; Dott.ssa Silvia Paparella Remtech Expo; dott. Alessandro Bratti direttore generale ISPRA.

[1] Enea, 2018, Rapporto annuale 2018 - Le detrazioni fiscali del 65%

Continua a Leggere »
17 mag 2019

Al via la terza edizione del Festival dello sviluppo sostenibile. Gli eventi di GBC Italia

Dal 21 maggio al 6 giugno torna la manifestazione sui temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale. Centinaia di eventi su tutto il territorio nazionale, per fare il punto sulla posizione dell’Italia rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. GBC Italia partecipa al Festival con diverse iniziative.


Il Festival dello sviluppo sostenibile, che si svolge in tutta Italia per ben 17 giorni, tanti quanti sono gli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 sottoscritta da 193 paesi nel 2015, torna a coinvolgere imprese, società civile, istituzioni e cittadini proprio nel momento in cui l’interesse per il futuro del pianeta e dei sistemi economici e sociali raggiunge livelli mai visti finora, al punto che quasi l’85% degli italiani risulta a favore di politiche per lo sviluppo sostenibile (fonte: Fondazione Unipolis).


Il Festival 2019 sottolinea l’urgenza di un impegno forte, generale e condiviso, per cambiare il modello di sviluppo e produrre quella transizione necessaria per garantire la sostenibilità economica, sociale, ambientale e istituzionale e quindi un futuro di benessere a questa e alle nuove generazioni. Per fare questo l’ASviS, che con le oltre 200 organizzazioni aderenti della società civile, tra cui anche GBC Italia, chiama tutti a partecipare attivamente al Festival, in un momento cruciale per il futuro dell’Unione Europea.


Lotta al cambiamento climatico e transizione energetica, innovazione tecnologica e futuro del lavoro, lotta alla povertà e alle disuguaglianze, salute e sicurezza alimentare, educazione e formazione continua, cooperazione internazionale, infrastrutture e mobilità sostenibile, dialogo interreligioso e futuro dell’Europa, protezione dell’ambiente e sviluppo economico. Il Festival 2019 affronta le grandi sfide per l’Italia di oggi e di domani che sono al centro del dibattito culturale e politico, coinvolgendo i cittadini e, in particolare, i giovani.


Lo slogan del Festival 2019 “Mettiamo mano al nostro futuro” chiama tutti all’azione individuale e collettiva, dal mondo economico e imprenditoriale a quello della politica e delle istituzioni, dalle scuole alle università, dai cittadini agli operatori della cultura e dell’informazione. Tutti siamo invitati a mobilitarci per contribuire a cambiare passo verso uno sviluppo sostenibile che non lasci nessuno indietro, come ricorda l’Agenda 2030. Dal 21 maggio al 6 giugno in tutto il Paese si terranno centinaia di eventi (convegni, seminari, workshop, mostre, spettacoli, eventi sportivi, presentazioni di libri, documentari ecc.) collegati agli Obiettivi di sviluppo sostenibile.


Gli eventi organizzati da GBC Italia all’interno del Festival con specifico riferimento all’obiettivo di sviluppo sostenibile 11: “Città e Comunità Sostenibil” si terranno a Milano e sono:

 

GBC Italia inoltre patrocina l’evento a Latina:

 

Il catalogo di tutti gli eventi del Festival è disponibile sul sito www.festivalsvilupposostenibile.it

 

Continua a Leggere »
15 mag 2019

Ad Agrigento: Verso un’edilizia pubblica 4.0

Venerdì 24 maggio ’19 si terrà presso la Camera di Commercio di Agrigento il convegno: Verso un’edilizia pubblica 4.0 in cui verranno presentate le opportunità e le criticità per gli operatori economici dall’applicazione dei Criteri Minimi Ambientali (CAM) nella filiera dell’edilizia.

Clicca qui per visualizzare il programma.

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – Direzione Generale per il Clima e l’Energia, ha chiesto a Unioncamere il sostegno del sistema camerale per la realizzazione di una serie di azioni di informazione/formazione alle pmi in merito all’applicazione dei Criteri ambientali minimi negli Acquisti pubblici verdi.

I CAM edilizia rappresentano una importante innovazione che cambia la metodologia progettuale e la modalità di affidamento di una gara pubblica con ripercussioni sull’intera filiera e con la riduzione di significativi impatti ambientali quali ad esempio la riduzione dei consumi di energia, delle emissioni di polveri sottili e biossido di azoto, la riduzione delle emissioni di gas serra.

Il settore dell’edilizia pesa in Italia l’8% del Pil da solo e, complessivamente, più del 22%, comprendendo anche la filiera e le attività immobiliari. La sostenibilità ambientale del settore può rappresentare un importante volano di sviluppo e di innovazione del settore che registra una crisi significativa da diversi anni, in quanto qualifica e porta ad innovare ulteriormente il prodotto edilizio nel suo complesso. Le norme europee in materia di economia circolare spingono sempre più in tal senso: entro il 2020 almeno il 70% dei rifiuti da demolizione e costruzione, gli edifici nuovi e gli interventi di ristrutturazione, devono essere effettuati con una maggiore efficienza delle risorse, aumentando l’uso di materiali riciclati e il recupero dei rifiuti. Con la Direttiva 2010/31/UE (Energy Perfomance of building Directive) dal 1 gennaio 2019 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere edifici a energia quasi zero.

L’applicazione dei CAM negli appalti pubblici può rivestire un ruolo importante in termini di rilancio del settore in quanto spinge gli operatori economici e le professioni ad innovarsi nella progettazione, nella gestione dei cantieri e nell’uso dei materiali. 


Tutta la filiera edile viene coinvolta dall'applicazione dei CAM e per adeguarsi dovrà essere costretta a rivedere tutto o parte del processo di produzione industriale.


Chi sono i soggetti coinvolti dai CAM Edilizia e dei CAM Servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione e manutenzione di strade?

  • Gli ordini professionali (architetti, ingegneri e geometri)
  • Le imprese del settore edile
  • Le imprese della filiera del recupero dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e della gomma riciclata
  • Le maestranze

 

Per informazioni: chapter.sicilia@gbcitalia.org

Continua a Leggere »
14 mag 2019

Parte il progetto: SMARTER Finance for Families

SMARTER Finance for Families: enhancing  the well being of Europe's citizens by providing opportunities for the finance and construction industry to create Green Homes.

Green Finance is an important and developing trend that is increasing investments into environmentally and socially responsible projects while reducing financial risk to those lending for those projects. This concept creates a tremendous opportunity to positively transform the health and environmental performance, quality, comfort and financial viability of Europe's new and existing
housing stock.

SMARTER Finance for Families is a Horizon 2020 project to implement ambitious yet practical Green Homes & Mortgage programmes in 12 European countries that includes the collaboration and participation of 17 expert green building, green energy, research and other organizations.


The project uses comprehensive Green Homes certifications to assess and recognize top performing residential projects incorporating sustainable construction principles.  Evidence from financial and technical modeling have proven that investing in energy efficiency and other green building attributes for homes
•Improves housing quality
•Reduces the total monthly cost of ownership for the homeowner
•Increases sales prices for the project developer/investor
•Substantially reduces financial risk for the bank offering the mortgage on the home.

The existing program includes over 25 projects representing 6.000 housing units certified or in process.
“Through the SMARTER Finance For Families project we bring an innovative and systemic solution to a systemic problem.   We are creating significant opportunities for the finance and building industry to deliver the green performance we need for Europe’s citizens and their homes.” explains Steven Borncamp, Project Director of the initiative.

Join the launch in person or online on May 20!

Program Starts: 3:15pm GMT / 4:15pm CET

The program will last approximately 45 minutes with 15 minutes for questions.

The presentation will be held at the Université Libre de Bruxelles with exact venue details sent to persons who register.

The event is free. Persons attending in person or via webinar must register in advance via email sent to info@rogbc.org that includes your name, organization and your role in the green building or finance industry if any. Please indicate if you will attend the event in person or via the webinar.

SUGGESTED AUDIENCE  The presentation is addressed to residential project developers, financial institutions offering residential mortgages, institutional investors and companies offering services, products, materials, technologies, and other solutions that contribute to the construction and operation of the greenest, most energy-efficient residential properties.
Representatives of national and local government and associations promoting the environment, energy efficiency, and/or better housing are welcome to join to learn more about how this programme facilitates improved building standards. This is relevant both for those in the participating countries or anyone interested in learning about bringing this initiative to their home market.

The Presentation will be made in English.

TOPICS:
  • Welcome
  • The status of Green Finance for residential buildings
  • The Green Homes & Green Mortgage concept and need for Citizen-led demand
  • The SMARTER Finance for Families project – approach and objectives
  • How can the business community and other stakeholders get involved and benefit?
  • Next steps and timeline

 

 

Continua a Leggere »
13 mag 2019

LEVEL(s) alla EU GreenWeek

Parte oggi la EU Green Week che si tiene a Bruxelles, con eventi di partner in tutta Europa. Quest'anno il tema al centro del dibattito riguarda l'attuazione delle leggi ambientali europee negli Stati Membri.

L'iniziativa LEVELs sarà presentata giovedì 16 maggio con la sessione: Innovation in implementing sustainable construction ambitions, organizzata dalla Commissione Europea e da World Green Building Council per discutere sul futuro del framework europeo. Per GBC Italia, parteciperà il consigliere esecutivo, Manuela Ojan (Italcementi).

Tutti gli interessati possono partecipare al workshop registrandosi a questo link.

L'evento potrà anche essere seguito in diretta streaming attraverso questo link.

 

A greener Europe starts with you! Buona EU Green Week!
 

Continua a Leggere »
10 mag 2019

GBC Italia & UNESCO | International Workshop

UNESCO organizza, in collaborazione con GBC Italia, un workshop internazionale di 2 giorni (22-23 maggio 2019) a Venezia incentrato sugli strumenti energetico ambientali per il patrimonio architettonico esistente, compresi gli edifici storici.


Il workshop internazionale farà luce sulle innovazioni dei sistemi geotermici per il riscaldamento e il raffreddamento, che derivano dagli studi effettuati grazie al progetto H2020 Cheap-GHSP.
Le nuove pompe di calore, sviluppate nell'ambito del progetto, sono in grado di ridurre i costi sul mercato per la riqualificazione degli edifici, compresi quelli storici. Il progetto ha dato evidenza della compatibilità di questi sistemi innovativi con i requisiti di salvaguardia, mantenimento e conservazione degli edifici storici insieme alla necessità di un ambiente più confortevole e un'economia più decarbonizzata.


All’interno del workshop, GBC Italia interverrà con il focus: “Technology and Green building certification for a sustainable built heritage” che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Alessandro Bratti, direttore generale di ISPRA, Francesco Scoppola, direttore generale Educazione e Ricerca del Mibac, Alessandro Zanini, presidente di Assorestauro. Verranno presentate le eccellenze nazionali che hanno applicato il protocollo GBC Historic Building e si parlerà del processo di internazionalizzazione del protocollo insieme ad attori internazionali come USGBC e World GBC.


Con un approccio interdisciplinare, il target del workshop è rivolto a: geologi, ingegneri, architetti, gestori di energia, professionisti nel patrimonio moderno e storico, professionisti dei green building e della filiera delle costruzioni insieme agli amministratori delle città, compresi i siti designati dall'UNESCO.


Visualizza qui il programma completo del workshop.

Continua a Leggere »
09 mag 2019

Grande successo a Ravenna per: "La sostenibilità ambientale nelle costruzioni"

Si è svolto tra l'entusiasmo generale della platea il Workshop sulla sostenibilità ambientale, organizzato da Labelab con il patrocinio di GBC Italia e il contributo del Chapter Emilia Romagna.

In una sala all'interno del bellissimo Palazzo Rasponi delle Teste a Ravenna, gremita di partecipanti, si è tenuto a partire dalle ore 14:30 di ieri, 8 Maggio 2019, il Workshop dal titolo "La sostenibilità ambientale nelle costruzioni: Criteri Minimi Ambientali (CAM) best practices e case histories di successo".  L'incontro è stato molto produttivo e tutti gli interventi sono stati apprezzati dagli astanti, che hanno posto ai relatori quesiti interessanti e che hanno avvalorato quanto il tema della sostenibilità ambientale nelle costruzioni sia di interesse generale e ritenuto una priorità anche per le Istituzioni.

Dopo il benvenuto di rito da parte del Dott. Montresori di Labelab e del Dott. Ing. Mattia Galli, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna, anche l'Assessore del Comune di Ravenna Ing. Federica Del Conte ha preso la parola per salutare i presenti e ringraziare gli organizzatori per l'evento, inserito nel festival: "Fare i conti con l'ambiente" che da qualche anno viene organizzato a Ravenna riscuotendo grande successo per aver scelto un tema su cui la Pubblica Amministrazione ed il Comune di Ravenna in primis si è attivato e si sta muovendo con grande impegno.

Dopo i saluti anche dell' Ing. Andrea Cirelli direttore scientifico dell’evento H2O, il workshop è stato avviato dall'Ing. Marco Mari, Vice Presidente di GBC Italia e l'Ing. Gildo Tomassetti, nel suo ruolo di Segretario del Chapter Emilia-Romagna. A seguire l'Arch. Lorenzo Malucelli di Airis Srl ha presentato l'interessante caso di applicazione dei CAM edilizia e dei protocolli energetico ambientali al Data Center dell'Agenzia per il Clima che avrà sede a Bologna.

A seguire l'Ing. Marco Mari ha presentato un altro interessante caso di applicazione dei CAM edilzia e dei protocolli energetico ambientali: la nuova sede della Camera di Commercio di Venezia

Il pomeriggio si è concluso con alcune interessanti riflessioni e molte Q&A.

Continua a Leggere »
03 mag 2019

Ravenna: Fare i conti con l’ambiente

Fare i conti con l’ambiente è un festival formativo che si tiene a Ravenna dall’8 al 10 maggio e rappresenta un momento di riflessione a livello nazionale su tematiche tecniche e di scenario del comparto rifiuti, acqua ed energia.

Tre giorni di incontri, di formazione e informazione, di approfondimenti e conoscenza sulle nuove tecnologie e sui processi industriali. Approfondimenti tematici sviluppati in collaborazione con enti, aziende esterne e associazioni tra cui anche GBC Italia. Grazie alla collaborazione con il Chapter Emilia Romagna, mercoledì 8 maggio si terrà il convegno: “La sostenibilità ambientale nelle costruzioni: Criteri Minimi Ambientali (CAM) – best practices e case histories di successo”.

Clicca qui per il programma e le iscrizioni.

 

Continua a Leggere »
02 mag 2019

GBC Italia, dove stiamo andando

Editoriale di Giuliano Dall’Ò, Presidente GBC Italia

Con l’appuntamento dell’Assemblea dei soci di Roma, calendarizzata per il prossimo 14 giugno, saremo alla metà del nostro mandato triennale.
Valutare se la nostra “governance” fino ad oggi sia stata positiva non spetta certamente a noi, ma ai nostri soci e anche agli attori che, pur condividendo i nostri temi legati al mondo del green building e delle green city, non fanno parte della nostra associazione.
In questo primo anno e mezzo abbiamo portato avanti tante attività e la nostra presenza, nel contesto sia nazionale che internazionale, si è evidenziata attraverso una molteplicità di azioni. Alcune di queste visibili al grande pubblico, ad esempio seminari e convegni, altre meno visibili ma comunque indispensabili per la nostra mission, come la partecipazione ai più importanti progetti europei sul tema della sostenibilità energetica ed ambientale.
Operare a più livelli, da quello internazionale, attraverso la rete del World GBC, a quello nazionale e a quello regionale per mezzo dei Chapter è una caratteristica che ci contraddistingue ponendoci come punto di riferimento utile al cambiamento in chiave “green” sia degli edifici sia delle città.

Ma dove sta andando GBC Italia? In altri termini, esiste una strategia che GBC Italia sta perseguendo nella quale convergono tutte le azioni?

Diciamo subito che un’azione, anche se positiva, prende più forza se diventa anche la tessera di un mosaico che si compone via via, ed è proprio di questo mosaico che mi preme parlare.
Gli elementi di innovazione della nostra politica sono tanti e importanti. Senza tradire i protocolli di certificazione ambientale, che consideriamo strumenti indispensabili e irrinunciabili per promuovere il cambiamento, i nostri interessi si concentrano su temi forti che catalizzano gli interessi nazionali e internazionali.
Noi vogliamo contribuire, in modo concreto, al raggiungimento di molti dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile introdotti dall’Agenda 2030 (SDGs) per le tematiche che sono di nostra competenza, come ad esempio assicurare l’accesso all’energia pulita, garantire la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua, promuovere una crescita economica duratura inclusiva e sostenibile, promuovere l’industrializzazione sostenibile, rendere le città e le comunità inclusive, sostenibili e resilienti, combattere i cambiamenti climatici, giusto per citarne alcuni. Le nostre parole d’ordine sono decarbonizzazione, economia circolare, sostenibilità nell’uso delle risorse idriche.
Non abbiamo bisogno di concentrare la nostra attenzione sui nostri protocolli semplicemente perché tutto ciò che si pianifica ora, tutte le problematiche e tutte le soluzioni per risorverle sono già presenti da sempre nei nostri protocolli. Vogliamo guardare avanti valorizzando tutto ciò è stato fatto da noi e da altri soggetti che, come noi, si sono impegnati a cambiare il modo di vivere di tutti.
La nostra apertura verso gli altri protocolli, iniziata lo scorso 14 dicembre a Milano e proseguita in occasione della più recente settimana dell’energia, è stata un passaggio fondamentale. Aprire a chi opera in modo serio non vuole dire rinunciare alla nostra identità ma tutt’altro: vuol dire dare un forte impulso al cambiamento attraverso un’azione comune.
Questa nostra strategia di apertura si concretizza anche nell’organizzazione dell’imminente assemblea dei professionisti accreditati per l’edilizia sostenibile che si terrà a Milano il 7 maggio. Prima questo appuntamento si chiamava assemblea dei LEED AP, tuttavia quest’anno non si parlerà solo di LEED o di GBC, ma anche di BREEAM, di WELL e di ENVISION, protocolli promossi al di fuori dell’ecosistema GBC Italia. Non si tratta di un semplice cambio di titolo, ma di una passaggio sostanziale che ci deve essere riconosciuto. Una apertura culturale verso altri modi di pensare, una opportunità per valorizzare le nostre prassi confrontandole con altre prassi. Noi come GBC stiamo andando in questa direzione e lo facciamo in modo irreversibile.
Uno slogan che a noi piace molto, e che evidenzia un altro elemento della nostra strategia, non solo di comunicazione, ma anche e soprattutto di azione, è “the new normal”. Il significato di queste tre parole è stravolgente. In sole tre parole vogliamo dire tanto, ma soprattutto che tutti i nostri sforzi devono portare benefici a tutti.  Non siamo all’anno zero, ma le importanti attività che seguiamo, vogliamo condividerle con tutti. Ne è un esempio la mappa recentemente pubblicata (Milano Green City).
Le nostre città stanno cambiando, anche se non ce ne rendiamo conto. Ben vengano i “green district” se diventano icone del cambiamento, ma non dimentichiamoci degli ambiti urbani che più hanno bisogno del cambiamento green. Se li escludessimo tradiremmo i principi essenziali dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile introdotti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

 

Continua a Leggere »
19 apr 2019

In attesa di Remtech Expo

Green Building Council Italia parteciperà a due eventi propedeutici di RemTech Expo 2019 che si terranno a Roma presso Palazzo San Macuto, nelle seguenti date:

6 MAGGIO
La Conferenza Nazionale Smart Ports Pianificazione, Gestione e Sostenibilità Ambientale nei porti, Pianificazione energetica, tutela ambientale, dragaggio, gestione sostenibile, logistica è organizzata in collaborazione con Assoporti, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, il Sistema Nazionale Snpa, La Gazzetta Marittima. La conferenza di aggiornamento è riservata alle Autorità di Sistema Portuale e alle Pubbliche Amministrazioni registrate. Successivamente alla giornata, saranno fruibili le presentazioni e ulteriori supporti informativi.

Visualizza il programma qui.

 

13 MAGGIO
Gli Stati Generali della Protezione, Gestione e Sviluppo del Territorio tra Sostenibilità ed Economia Circolare sono organizzati in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente, il Sistema Nazionale Snpa, il Commissario Straordinario Bonifiche DiscaricheSigea, Restauro e autorevoli Media Partners. La giornata è suddivisa in due sessioni di lavoro. Per partecipare alla sessione plenaria della mattina è necessaria la registrazione presso secretariat@remtechexpo.com. Nel pomeriggio si terranno presso la sede di Ispra i Tavoli Permanenti Pubblico-Privati di Confronto (ad invito) promossi dal Sistema Nazionale Snpa e da RemTech Expo. Successivamente alla giornata, saranno fruibili le presentazioni e ulteriori supporti informativi.

Visualizza il programma qui.

 

Continua a Leggere »
17 apr 2019

Assemblea Professionisti Accreditati

Martedì 7 maggio si terrà l'annuale giornata formativa e di confronto per i professionisti della sostenibilità.

L'evento, che si svolgerà presso l'Auditorium Prysmian Group a Milano, si suddividerà in due sessioni.

Durante la mattinata si terrà un workshop aperto al pubblico dedicato all’LCA, approccio che sta assumendo sempre più importanza all’interno del processo edilizio e sul quale GBC Italia ha lavorato negli ultimi mesi anche per redigere un position paper dedicato.

Nel pomeriggio è prevista una sessione di aggiornamento, riservata ai professionisti accreditati (LEED AP, GBC AP, BREEAM AP, WELL AP). 

ISCRIVITI QUI

Ecco di seguito il programma completo:

LCA WORKSHOP | 10.00-12.30

  • Introduzione e moderazione
    Giuliano Dall’Ò (Presidente GBC Italia)
  • Saluti istituzionali
    Antonio Traversi (Prysmian Group)
  • L’Ecodesign e la sostenibilità dei prodotti misurati attraverso l’LCA
    Manuela Ojan (Italcementi Gruppo Heidelberg)
    Marco Mazzetti (Mapei) 
  • Le dichiarazioni ambientali di prodotto: la piattaforma europea EcoPlatform e il program operator EPD Italy
    Francesco Carnelli (EPD Italy)
  • Il LCA nei processi di certificazione di sostenibilità degli edifici
    Eleonora Sablone (Asdea)
    Andrea Meneghelli (L22)
  • Light Lunch
    (riservato agli AP iscritti al pomeriggio)

 

AGGIORNAMENTO TECNICO RISERVATO AGLI AP (LEED, GBC, BREEAM, WELL) | 13.30-17.00

  • Introduzione e moderazione
    Andrea Fornasiero (GBC Italia - Manens-Tifs)
  • 1. Aggiornamento sulle attività di GBC Italia
    • Introduzione e presentazione risultati della survey tecnica 2018
      Giuliano Dall’Ò (GBC Italia)
    • La formazione di GBC Italia
      Alessandro Speccher (GBC Italia)
    • L’attività dei Comitati tecnici di GBC Italia
      Andrea Fornasiero (GBC Italia) 
    • Aggiornamento da GreenBuild, il progetto ANZ del World GBC e Level(s) Europe
      Manuela Ojan (GBC Italia)
    • GBC Historic Building Goes International
      Giuliano Dall’Ò (Presidente GBC Italia)
  • 2. Aggiornamento sui protocolli
    • La nuova versione LEED v4.1 e la piattaforma ARC
      Daniele Guglielmino (GBCI)
    • Materiali a basse emissioni: come funzionano i test di COV e le modalità per identificarli
      Giuseppe Benini (UL)
    • ENVISION una nuova certificazione per leinfrastrutture sostenibili
      Ugo Pannuti (ICMQ)
    • Gli edifici certificati con BREEAM-In-Use
      Alberto Ballardini (Habitech)
    • WELL: prime applicazioni ed evoluzione del protocollo per il wellbeing
      Giuseppe Zaffino (Greenwich)
  • 3. Dibattito e conclusioni

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.

Evento realizzato con il supporto di:

   |    

 
 

 

Continua a Leggere »
16 apr 2019

Formazione CNA | Costruzione e gestione sostenibile degli edifici

Il Chapter Lombardia di GBC Italia in collaborazione con Greenet CNA Lombardia promuovono il corso di formazione "COSTRUZIONE E GESTIONE SOSTENIBILE DEGLI EDIFICI" che si terrà presso il CNA di Bergamo e avrà inizio già dal prossimo 7 Maggio.


Obiettivi:
Il corso ha l'obiettivo di incrementare la competitività delle imprese della filiera della costruzioni con lo sviluppo della cultura e pratica della efficienza e sostenibilità energetico ambientale.
Si rivolge a tutti gli attori della filiera costruzioni desiderosi di conoscere  informazioni e strumenti in relazione alla sostenibilità applicata all'edilizia, ai Green Building, ai sistemi di rating nazionali e internazionali , all'ottimizzazione dei processi di progettazione, costruzione, gestione e  manutenzione dell'edificio.


Attestato:
Alla conclusione del corso verrà rilasciato un attestato di partecipazione che permetterà alle aziende di essere inserite nella "Rete delle Imprese Sostenibili" del progetto Greenet di CNA Lombardia e di utilizzarne il marchio.

Sintesi dei contenuti:
Il percorso formativo si sviluppa in 8 moduli della durata di 4 ore combinabili in base alla tipologia di impresa di appartenenza: EDILI, FINITURE, IMPIANTISTI, SERRAMENTISTI, AREE VERDI.


SOSTENIBILITA' CERTIFICATA
1) Il ruolo e la responsabilità dell’impresa nel processo di certificazione della sostenibilità ambientale

PROGETTARE SOSTENIBILE
2) La sostenibilità nella selezione del sito, nella progettazione delle aree esterne, nella gestione delle acque
3) Verso gli NZEB – Edifici ad energia quasi zero
4) Il progetto della qualità ambientale interna

COSTRUIRE SOSTENIBILE
5) La sostenibilità dei materiali da costruzione
6) Sostenibilità del cantiere edile

QUALITA' DEL PROCESSO EDILIZIO
7) Progettazione integrata
8) Il progetto dei dettagli costruttivi

Visualizza qui la locandina del corso e la scheda di iscrizione.
Visualizza qui il calendario di dettaglio con moduli.

Per informazioni:
Erasmo Corbella
02 27 000 612
silviaaprile@ecipalombardia.it

Continua a Leggere »
10 apr 2019

Al via il Premio Sostenibilità 2019

L'Agenzia per l'Energia e lo Sviluppo Sostenibile-Aess, socio di GBC Italia, in occasione dei suoi vent’anni di attività, conferisce un Premio Nazionale per le migliori Architetture green in Italia.

Bioarchitettura e innovazione sono le parole chiave del Premio Sostenibilità che, giunto alla sua ottava edizione, seleziona e valorizza, a livello nazionale, le buone pratiche del progettare e costruire green.  Le iscrizioni chiuderanno il 13 maggio, con consegna degli elaborati entro il 19 giugno 2019. Il Premio è inserito all’interno del Progetto Triennale Edilizia Sostenibile ed è rivolto a liberi professionisti singoli o associati, studi tecnici, studi di architettura o ingegneria, società di ingegneria, ATI, Pubbliche Amministrazioni provenienti da tutto il territorio nazionale.


Al centro della “gara” opere realizzate che seguono i principi costruttivi della bioarchitettura ed efficienza energetica: rispetto e integrazione con l’ambiente naturale, controllo dei consumi di energia, impiego di materiali e tecniche non inquinanti e non nocive per la salute dell'uomo, sostenibilità sociale ed economica, innovazione.


Due le categorie di edifici premiati: edilizia ex-novo ed edilizia ristrutturazioni e/o restauro. Sarà inoltre assegnata una menzione speciale Domotica.


Oltre ai consueti riconoscimenti assegnati dalla giuria tecnica, in collaborazione con la Rivista Azero | Edicom Edizioni in qualità di media partner, verrà attribuito il PREMIO DEL PUBBLICO 2019. La procedura per l’assegnazione del premio secondo il giudizio del pubblico, avverrà attraverso un sondaggio on-line le cui informazioni saranno disponibili sul sito.   

I progetti vincitori saranno presentati e premiati nel corso della Settimana della Bioarchitettura e Sostenibilità 2019 che si terrà dal 18 al 22 novembre a Modena e porrà al centro tutti gli aspetti legati a progettazione sostenibile, risparmio energetico, e riqualificazione green.

Ai progettisti, inoltre, sarà data particolare visibilità attraverso pannelli espositivi ed eventualmente pubblicazioni che raccoglieranno tutti i progetti vincitori e partecipanti.

Per maggiori informazioni clicca qui

 

Continua a Leggere »
10 apr 2019

L’Aquila | CAM in edilizia - Criteri Ambientali Minimi

A 10 anni dagli eventi sismici che colpirono L'Aquila nel 2009, ANCE Aquila in collaborazione con il Chapter Abruzzo Molise e il Chapter Marche di GBC Italia, ha organizzato un incontro sui Criteri Ambientali Minimi (CAM) in edilizia.

L'evento si è svolto presso presso la sede di ANCE L'Aquila ed è stato patrocinato da tutti gli ordini professionali della provincia dell'Aquila e da Confindutria Abruzzo. L'incontro, che ha visto la partecipazione di professionisti, imprese del settore costruzioni e rappresentanti della pubblica ammininstrazione, si è aperto con i saluti istituzionali di Mauro Irti, segretario del Chapter Abruzzo Molise di GBC Italia e Vicepresidente ANCE L'Aquila, coadiuvato da Mauro D'Intino, Presidente Commissione Opere Pubbliche ANCE L'Aquila.

L'intervento di Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia, ha evidenziato, tramite esempi ed articolazioni tecniche di mercato e di formazione espressi da GBC Italia con tutte le proprie risorse di conoscenze tecniche e culturali, come l'uso dei protocolli energetico-ambientali rappresentino uno strumento efficace e di altissima professionalità per l'applicaione dei Criteri Ambientali Minimi in una visione complessiva dell'edilizia sostenibile.

A seguire, la dott.ssa Lisa Gentili di ANCE Nazionale ha esposto in maniera analitica e dettagliata tutte le problematiche connesse all'applicazione del CAM Edilizia da parte del mondo delle imprese di costruzione: il discorso si è concentrato in particolare sulle piccole e medie imprese, spesso non strutturare e organizzate in maniera adeguata per affrontare questi nuovi paradigmi del costruire.

L'arch. Andrea Valentini, segretario del Chapter Marche e Coordinatore del Gruppo di Lavoro "Ricostruzione Post Sisma" di GBC Italia,  ha evidenziato come  Durabilità e Resilienza possano costituire tematiche da integrare ai protocolli GBC Italia come nel caso studio del protocollo GBC Condomini dell'aggregato edilizio Antinori all'interno del centro storico dell'Aquila.

Il convegno si è quindi concluso con l'interessante tavola rotonda finale coordinata dal Vicepresidente GBC Italia, in cui hanno preso parte ANCE Vicenza, rappresentata da Claudio Pozza, ANCE Ferrara rappresentata da Adriano Paltrinieri ed ANCE Aquila.  Sono state messe a confronto le diverse visioni nell'ottica anche di creare ulteriori incontri in altri parti d'Italia con la compresenza di GBC Italia ed ANCE territoriali.

Continua a Leggere »
09 apr 2019

Le scuole italiane vincono il premio internazionale Green Apple Day of Service 2019

Il progetto “Goccia dopo goccia, riempiamo il serbatoio della vita!” vince l’edizione 2019 del Green Apple Day of Service Award. Ad annunciarlo è il Center for Green School di USGBC che ieri ha comunicato i tre progetti vincitori. Oltre alle scuole italiane, vincono anche i progetti del Guatemala e del Connecticut.

Il Green Apple Day of Service è un movimento internazionale di quasi un milione di volontari presenti in 80 paesi del mondo che celebra il ruolo centrale delle scuole nella formazione delle nuove generazioni come futuri leader globali della sostenibilità. Solo lo scorso anno, i progetti Green Apple hanno avuto un impatto su oltre 189.000 studenti con l'aiuto di migliaia di insegnanti e volontari.

Quest’anno, i premi sono stati suddivisi in tre categorie distinte che hanno rispettivamente premiato i seguenti progetti:

  • Approccio creativo nella realizzazione (Creative Approch Project).
    Progetto vincitore (New Heaven, Connecticut): Tilling the Common Ground

Le scuole che hanno partecipato formalmente al progetto “Drop after drop” sono state 8, ma durante l’evento della durata di due giorni (15-16 maggio 2018) al parco Sabucchi di Pescara hanno partecipato alla manifestazione altre 20 scuole con altri progetti sul tema della sostenibilità. Le scuole che hanno aderito al progetto sono le seguenti:

  1. Istituto Comprensivo "Pescara3", Pescara: Il mistero dell’acqua scomparsa, L’albero Carla, Modello funzionante di fitodepurazione, Gocce d’acqua, Irrigazione e gocciolamento solare, Case di Paglia, L’Acqua virtuale;

  2. Istituto "Marie Curie", Pergine Valsugana (TN): La riduzione dei consumi di acqua negli edifici sostenibili;

  3. Istituto “U. Pomilio”, Chieti: L’isola di plastica e sperimenti vari;

  4. Liceo Artistico Musicale Coreutico "Misticoni-Bellisario", Pescara: La forma dell’acqua;

  5. Scuola Primaria "G. Serroni", Teramo: L’uomo che piantava alberi;

  6. Liceo Statale "Terenzio Mamiani", Roma: Progetto Cunuculus;

  7. Liceo Scientifico Statale "Vitruvio", Avezzano, L’Aquila: Il mondo delle Api;

  8. Istituto Statale Istruzione Superiore "Leonardo Da Vinci", Firenze: L’acqua e l’uomo.

Il progetto proposto da Scienza Under 18 – Pescara insieme al Chapter Abruzzo di GBC Italia ha incentrato il focus sul tema dell’acqua, intesa come risorsa e bene da non sprecare in quanto fondamentale per la vita delle persone e dell’intero pianeta. Ridurre i consumi significa avere un atteggiamento etico verso il nostro pianeta, i suoi abitanti e le generazioni future. Per questo lo slogan ufficiale del progetto ed evento è stato Drop after drop...Let's fill up the reservoir of life! ovvero "Goccia dopo goccia… riempiamo il serbatoio della vita!”.

Ogni scuola partecipante è stata libera di sviluppare il progetto utilizzando i più diversi strumenti didattici in funzione anche dell’età scolare dei propri studenti: canto, fumetti, lettura, poster, modelli realistici, flash mob e test in campo. L’evento è stato strutturato in modo da rendere gli studenti i veri protagonisti delle due giornate del Green Apple Day: nuovi contesti per apprendere comunicando la scienza. Durante la manifestazione, la comunicazione pubblica delle attività prodotte a scuola si è trasformata in un nuovo contesto di apprendimento per gli studenti stessi (espositori e visitatori), e di ricerca e formazione per gli insegnanti. I protagonisti assoluti sono stati gli studenti che hanno comunicato le attività realizzate ad altri studenti, in una dinamica interattiva e creativa sempre nuova che produce e riproduce nuova conoscenza scientifica.

“Sono molto orgoglioso del team che ha sviluppato il progetto vincitore "Drop after drop. Un ringraziamento speciale va a tutti gli studenti e insegnanti che hanno partecipato attivamente e supportato il progetto" – dichiara Maurizio Sabatino Pirocchi architetto del Chapter Abruzzo e promotore del progetto insieme alla professoressa Carla Antonioli di Science under 18 Pescara e all’ing. Eleonora Sablone, consigliere esecutivo di GBC Italia.

“Partendo dai banchi di scuola l’ambiente potrà essere salvato, da coloro che rappresentano il futuro. Sono molto felice di essere entrata a far parte di questo grande gruppo con il quale condivido la mission e ringrazio Eleonora Sablone e Maurizio Pirocchi per avermelo fatto conoscere” afferma la professoressa Carla Antonioli.

"Questo premio è il frutto di un lavoro di gruppo di persone che credono in un futuro migliore per le nuove generazioni. Ringrazio Maurizio Pirocchi e Science Under 18 – Pescara per aver affrontato questa esperienza con passione nel formare i ragazzi verso una cultura della sostenibilità a 360 gradi. – sostiene Eleonora Sablone, consigliere esecutivo di GBC Italia, – Continueremo il percorso con rinnovata dedizione anche quest’anno con il nuovo progetto Smart Energy Lab aperto alla sponsorizzazione dei soci di GBC Italia il 17 e 18 maggio, perché la formazione delle generazioni future è importante per fare la differenza e combattere il riscaldamento globale”.

Continua a Leggere »
09 apr 2019

Workshop | Misurare la sostenibilità di insediamenti urbani e comunità

GBC Italia, Legambiente e Ambiente Italia, nell’ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile promosso da ASviS, organizzano il 31 maggio 2019 a Milano, un workshop dal titolo "Misurare la sostenibilità di insediamenti urbani e comunità"  con l'obiettivo di contribuire a consolidare il know how dell’Alleanza con specifico riferimento al SDG “Città e Comunità Sostenibili”.

La sostenibilità delle città e degli insediamenti urbani è un obiettivo di fondamentale importanza in uno scenario globale che vede nel progressivo inurbamento della popolazione mondiale uno dei driver più significativi. Affrontare questa sfida significa darsi strumenti di pianificazione e intervento, ma anche di rendicontazione e reporting e diverse esperienze si sono sviluppate in ambito internazionale negli ultimi decenni.

A livello internazionale USGBC sta elaborando una sua proposta di rating di sostenibilità per l’ambiente urbano (LEED for Cities), e sta curando una più articolata e solida formulazione di un protocollo “LEED 4.1 Cities and communities”, che dovrebbe integrare l’esistente e già sperimentato STAR Community Rating System. Diversi network di città (come ICLEI e C40) applicano sistemi di reporting e benchmarking nelle proprie attività a supporto delle città impegnate per lo sviluppo sostenibile e il clima. 

In Europa sono state un riferimento importante le prime esperienze che si sono consolidate nel quadro del movimento delle Città Sostenibili, come gli European Common Indicators, gli indicatori di valutazione per il  Green Capital Award, il Reference Framework for Sustainable cities, il progetto Informed Cities. Tutte esperienze, quelle europee, di cui Ambiente Italia è stato partner attivo, tanto da essere oggi l’unico membro italiano nello IUME - Integrated Urban Monitoring Europe group (promosso dall’Agenzia Europea per l’Ambiente, insieme alla Commissione europea, l’OECD, UNHabitat e altri partner di rilevo), gruppo di riferimento per lo sviluppo di sistemi di reporting a supporto delle politiche urbane europee. GBC Italia ha per parte sua sviluppato da diversi anni un protocollo “Quartieri”, potenziale tassello di un più esteso sistema di reporting e rating ambientale delle città italiane, tanto che anche a partire dalla presentazione di “LEED for Cities” in Italia, GBC Italia ha attivato un gruppo di lavoro che sta lavorando ad un position paper che definisca i confini, i limiti e le potenzialità della applicazione di sistemi di rating ambientale per le città italiane. In questo percorso Uptown Milano, che ospita questo workshop, rappresenta il primo progetto pilota italiano di certificazione GBC quartieri.

Legambiente, con Ambiente Italia, promuove da venticinque anni “Ecosistema Urbano”, un rapporto che – sulla base di un articolato set di indicatori – rendiconta su base annuale le performance ambientali dei 100 comuni capoluogo del nostro paese. La collaborazione con il Sole24 ore ha permesso di integrare il rating di Ecosistema Urbano in altri sistemi di valutazione della qualità della vita e il radicamento di Legambiente nelle città destinatarie della annuale “pagella” ha consolidato il ruolo di Ecosistema come eccezionale stimolo per lo sviluppo di politiche ambientali urbane.

ISCRIVITI QUI

Info aggiuntive:

Data e ora:
Venerdì 31 Maggio 2019 | 14.30-17.30

Luogo:
Conference Hall Cascina Merlata
Via Pier Paolo Pasolini 3, Milano

Programma completo:
Clicca qui.

Continua a Leggere »
08 apr 2019

La Sicilia investe nelle start up innovative

PO FESR SICILIA 2014-2020 - AZIONE 1.4.1 - “Sostegno alla creazione e al consolidamento di start-up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza e alle iniziative di spin-off della ricerca”

Con l’Avviso 1.4.1 del PO FESR SICILIA 2014-2020, la Regione siciliana intende finanziare e sostenere l’avvio, l’insediamento e lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali, provenienti dal mondo della ricerca e dell’impresa, in grado di promuovere nuova occupazione qualificata e innovazione nel sistema produttivo.

I settori prescelti sono quelli dell’alta tecnologia, della ricerca in campo scientifico e tecnologico e dei servizi knowledge intensive.

Il sostegno previsto dal Programma si propone di aumentare il tasso di sopravvivenza di start-up e spin-off a carattere innovativo sul territorio regionale.

Per le imprese (costituende o costituite da non più di cinque anni) è previsto un contributo in conto capitale pari all’80% dell’importo della spesa considerata ammissibile, con un tetto massimo di € 800.000.

Fra le spese ammissibili a contributo, figurano:

  1. Spese per investimenti materiali, quali:
    • opere murarie, il cui importo non può superare il 15% della spesa totale ammissibile;
    • impianti, macchinari e attrezzature;
  2. servizi di consulenza, entro il limite del 20% dei costi ammissibili;
  3. spese per investimenti immateriali, quali brevetti, licenze, know-how e altre forme di proprietà intellettuale.

 

I progetti dovranno ricadere in almeno uno degli ambiti tematici della Strategia regionale di Specializzazione Intelligente (S3):

  • Economia del mare;
  • Agroalimentare;
  • Energia;
  • Scienze della vita;
  • Smart Cities and Communities;
  • Turismo - Beni Culturali – Cultura.

 

Per informazioni: chapter.sicilia@gbcitalia.org

Continua a Leggere »
05 apr 2019

Fuorisalone 2019 | Le attività dei soci di GBC Italia

Dall'8 al 14 aprile si terrà, nell'ambito della Milano Design Week, il Fuorisalone 2019, iniziativa che mette in programma numerosi eventi, distribuiti in diverse zone di Milano, che si terranno in corrispondenza del Salone Internazionale del Mobile. Tra questi appuntamenti, legati soprattutto al tema dell'energia, vi segnaliamo quelli promossi da alcuni dei soci di GBC Italia.

Italcementi, Marchingenio
Il cemento “mangiasmog” e il modulo Nature

Italcementi presenterà una parete realizzata con i.active COAT, un rasante per interni e per esterni che garantisce, interagendo con la luce del sole, performance quali l’autopulizia e il disinquinamento delle superfici. La parete, di circa 10 mq, è stata inserita nell’installazione Nature (Nature, Architecture Technology Urban Experience) progettata dall’arch. Massimiliano Mandarini di Marchingenio. Il modulo Nature è un esempio di "architettura green circular" che propone l’utilizzo di profilati in alluminio per l’involucro edilizio ottenuti da billette che contengono alluminio certificato proveniente da post consumo (bici, lattine e caffettiere ecc.) per almeno il 75%; Nature è inoltre configurato su misura attraverso software Bim in diverse collezioni rappresentative dei diversi contesti della vita contemporanea quali living, ufficio, ospitalità-turismo, horeca-street food e spazi pubblici. Potrete trovare Nature e la parete i.active COAT all’interno del MaterialsVillage (Superstudio Più in Via Tortona 27).
Scarica il comunicato stampa di Italcementi: clicca qui.
Scarica il comunicato stampa di Nature: clicca qui.

Progetto CMR
Tramway to the Future

Progetto CMR vi invita a bordo della nuova edizione di Tramway to the future. Da martedì 9 a venerdì 12 aprile tutte le sere dalle 17:30 con partenza da Piazza Castello, il tram storico allestito per l’occasione ospiterà a bordo professionisti ed esperti di architettura, tecnologia e scienza, in un vivace scambio di idee sui nuovi orizzonti dell’innovazione. Si terranno tavole rotonde itineranti sul futuro della progettazione sviluppate in quattro incontri dedicati a diversi temi: Utopie urbane, Leonardo primo Designer, Città digitalmente modificate, A.I. – Architetture intelligenti.
Scarica il programma completo: clicca qui.
Scarica l'invito al cocktail riservato ai soci: clicca qui.



 

Nesite
Nesite @ Milano Design Week 2019
Quest’anno Nesite sarà presente per la prima volta al Fuori Salone in due location prestigiose.
La prima è in Via Tortona 34, nello showroom Sanwa by simonepiva, nuovo brand del Gruppo Transpack che affianca Nesite nell’offerta di soluzioni “a misura” nell’ambito dell’arredo per gli spazi di lavoro.
Qui sarà esposta la collezione “The impact of Compact” di sanwacompany, il brand giapponese che da 40 anni si contraddistingue nella commercializzazione di prodotti che sono l’espressione della migliore tecnologia giapponese. Sarà inoltre esposta “Tourner la carte”, una cucina monoblocco nata dalla collaborazione tra Simone Piva ed Elisa Ossino, progettata per trasformarsi dando la possibilità di nascondere i piani a induzione e le aree di lavaggio ridisegnando completamente l’area di lavoro.
La seconda location si trova al terzo piano di Via Solferino 11, all’interno dello spazio “Perfect Darkness”, il progetto di Elisa Ossino Studio che propone un nuovo concetto di casa. La scelta dei colori e delle geometrie rende ogni stanza un’installazione unica, dove le finiture e gli elementi di arredo su misura sono protagonisti dello spazio.
Scarica il comunicato stampa di Nesite: clicca qui.

Continua a Leggere »