Sede

Confindustria Ceramica
Viale Monte Santo, 40
41049 Sassuolo (MO)
 
chapter.emiliaromagna@gbcitalia.org

 

Chi siamo


Il Chapter è aperto ai soci e professionisti dell'Emilia Romagna che vogliono partecipare attivamente alla trasformazione del mercato attraverso le attività e iniziative promosse durante l'anno.

 

 

        SEGRETARIO
        DEL CHAPTER

        

        Stefano Mora
        Legnolegno Soc. Coop.

        Via Pio la Torre, 11
        42015 Correggio (RE)

        cell. 335 5725599
        t.0522 733011

        chapter.emiliaromagna@gbcitalia.org

 

La mission


  • Favorire le relazioni tra i Soci di GBC Italia
     
  • Promuovere la cultura e la pratica dell’edilizia sostenibile
     
  • Promuovere iniziative formative rivolte ai Soci e alla più generale comunità locale dei diversi soggetti interessati all’edilizia sostenibile, in collegamento con l’associazione


 /documents/20182/85346/FIA_Gallery_SanApollinare_003_quadrat.jpg/138538e2-bb8b-42af-bbfc-8cc2b2a68e99?t=1519382176453
23 feb 2018

Heritage & Sustainability - Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano

Il 23 marzo si terrà presso il Salone del Restauro di Ferrara il convegno "Heritage & Sustainability. Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano".


Un momento di riflessione per sottolineare l’importanza di coniugare Territori, Cultura e Sostenibilità.

Come dimostrano le esperienze di molti altri paesi europei, e alcuni casi italiani, la rigenerazione urbana e territoriale è un ambito dove l’azione congiunta di pubblico e privato può sviluppare rilevanti vantaggi economici, sociali e culturali valorizzando patrimoni edilizi e territoriali ora degradati, o comunque inadeguati sotto il profilo strutturale, tipologico, energetico e ambientale.

Condizione essenziale per un’azione realmente costruttiva è, ovviamente,  il totale e convinto rispetto dei territori, delle radici culturali e del genius loci, ma anche e sopratutto di quanto richiesto dal recente quadro normativo nazionale e internazionale in materia di green economy e in merito ai temi di sostenibilità e monitoring applicati all’ambiente costruito.

Nel convegno verranno analizzate da un punto di vista sia accademico che di produzione normativa e programmazione territoriale le tematiche correlate al restauro e alla ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano.

L’evento è strutturato in due parti, la prima basata su relazioni volte a definire e inquadrare i temi in discussione, cui seguirà una seconda sotto forma di tavola rotonda avente l’obiettivo di riflettere, sulla base delle più recenti esperienze, sulla coniugazione di efficaci strategie di sostenibilità e relative certificazioni, finalizzate ad una parte importante del patrimonio immobiliare e storico-culturale del nostro Paese e della valorizzazione delle competenze distintive di tutti gli attori della filiera che vengono coinvolti nelle opere.
 

Crediti Formativi: 4 CFP per architetti

Visualizza qui il programma del convegno

L'ingresso al Salone del Restauro è gratuito previa registrazione obbligatoria.

Per maggiori informazioni: www.salonedelrestauro.com

 

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/37007/img_news1.jpg/d2311e2b-f533-42c4-b350-0e3039424ca9?t=1500475546318
19 lug 2017

Lamborghini: nuova palazzina uffici certificata LEED Platinum

Lunedì 17 luglio è stata inaugurata la nuova palazzina uffici nel cuore del sito produttivo di Lamborghini a Sant’Agata Bolognese. L’edificio ha ottenuto la certificazione LEED Platinum con il record del punteggio in Italia: 92 punti su 110. Nessun altro edificio in Italia ha raggiunto questo ottimo risultato conseguito grazie anche al contributo di LEEDme (divisione green di Strategie Srl, Socio di GBC Italia) che ha supportato Lamborghini nel percorso di certificazione.

L’edificio eccelle in efficienza energetica e idrica (con un risparmio rispettivamente del 40% e del 57%) grazie a soluzioni tecniche d’avanguardia nei rivestimenti e a superfici vetrate progettate per garantire luce naturale nel 90% degli spazi e limitare le dispersioni termiche o il surriscaldamento. Il 30 % dei materiali utilizzati è di origine locale e il 92% dei rifiuti di cantiere sono stati riciclati.

Questa palazzina rappresenta un primo step dei lavori di ampliamento del sito produttivo della fabbrica del Toro che da 80mila metri quadrati passerà a 160mila. Un ampliamento che va di pari passo con la crescita commerciale e occupazionale. Infatti, nei primi sei mesi del 2017 Lamborghini registra già un aumento delle vendite del 4% e conta 400 nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato per il progetto del Super SUV Urus che uscirà nel 2018.

Stefano Domenicali, Chairman e Chief Executive Officer di Automobili Lamborghini attribuisce il successo dell’azienda agli investimenti che stanno portando avanti da anni sulle persone e sul loro sviluppo professionale, nella salvaguardia del know-how e delle competitività di Laborghini.

La cerimonia di inaugurazione ha visto la presenza del Sindaco di Sant’Agata Bolognese Giuseppe Vicinelli, l’Assessore delle attività produttive della Regione Emilia Romagna Palma Costi e il direttore di Green Building Council Italia Marco Caffi.

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/57397/26_palazzo+gulinelli.jpg/b25e1722-24e4-4c03-9b17-8aeae2a02dc9?t=1508929141886
25 ott 2017

Il restauro di Palazzo Gulinelli a Ferrara persegue la certificazione GBC Historic Building

Palazzo Gulinelli si trova a Ferrara in Corso Ercole I d’Este. Questo storico edificio, le cui fondazioni più antiche risalgono alla fine del 15° secolo, fu acquistato nel 1844 dall’avvocato conte Giacomo Gulinelli. Venduto nel dopoguerra dalla famiglia Gulinelli all’opera pia Don Cipriano Canonici Mattei, il Palazzo è stato utilizzato come sede scolastica fino agli eventi sismici del maggio 2012 che lo hanno danneggiato seriamente.

Il restauro dell’intero complesso, iniziato nell’ottobre del 2015, è quasi terminato, e Palazzo Gulinelli riaprirà come sede scolastica di avanguardia alla fine di giugno 2018. Il progetto di restauro sta seguendo i criteri di sostenibilità per perseguire la certificazione GBC Historic Building.

Il protocollo, unico al mondo, è stato sviluppato da GBC Italia grazie alla grande competenza del settore del restauro dell’associazione e dei suoi comitati. Dopo quasi due anni dall’entrata in vigore, sta riscuotendo un interesse sempre maggiore sia a livello nazionale che a livello internazionale. Si tratta di uno standard innovativo che promuove un nuovo concetto di conservazione sostenibile, in cui convivono le esigenze di recupero di quella parte più pregevole e storica del parco edilizio nazionale con le indicazioni degli obiettivi di efficienza energetica e riduzione dell’impatto ambientale degli edifici esistenti. “Si tratta del primo protocollo a livello mondiale che certifica quello che l’Italia sa fare meglio: restauro e riqualificazione del nostro patrimonio architettonico – annuncia Marco Mari, consigliere di GBC Italia – valorizzando l’eredità storica culturale insieme alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica”.

“Riporteremo questo magnifico palazzo allo splendore iniziale e lo riconsegneremo alla città perché ha un valore immenso dal punto di vista culturale. – afferma Antonio Grandini, presidente dell’Opera Canonici Mattei, proprietaria dell’immobile – Non lo monetizziamo, è un omaggio che la nostra Fondazione col cuore grande fa alla città affinché possa esserne orgogliosa e bearsi della sua bellezza”.

“Era una scuola all’avanguardia dagli anni ’50 e oggi lo sarà ancora di più – assicura l’architetto Cristiano Ferrari – con tecnologie all’avanguardia come il sistema radiante a secco con legno di riciclo su cui abbiamo inchiodato il pavimento.”

L’applicazione del protocollo GBC Historic Building è soggetto a verifica di GBC Italia quale ente terzo che garantisce la congruità del livello di certificazione.  

“Come ente terzo dobbiamo fare da garanti - dichiara Maria Elena Ghelardi, referente dell’ufficio tecnico di GBC Italia - e dobbiamo nominare ispettori qualificati che, dopo un periodo di formazione e il superamento degli esami, sono in grado di accertare i canoni e le prestazioni richieste dal protocollo che prevede verifiche indipendenti prima, durante e dopo la realizzazione dell’opera”.

Sempre più una larga fetta del mercato dell’edilizia sta utilizzando i rating system come strumenti guida che accompagnano i progetti nelle fasi di progettazione, costruzione e fino al mantenimento. I sistemi di certificazione, infatti, rappresentano delle metriche di riferimento chiare e consentono di valutare e misurare gli obiettivi di progetto rispetto a specifici standard. Nei progetti di edilizia pubblica, infatti, facilitano il percorso concreto per il raggiungimento dei criteri ambientali minimi.
Continua a Leggere »