23 feb 2018

Salone del restauro: Heritage & Sustainability - Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano

Il 23 marzo si terrà presso il Salone del Restauro di Ferrara il convegno "Heritage & Sustainability. Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano".


Abstract

L’importanza di coniugare Territori, Cultura e Sostenibilità.
Come dimostrano le esperienze di molti altri paesi europei, e alcuni casi italiani, la rigenerazione urbana e territoriale è un ambito dove l’azione congiunta di pubblico e privato può sviluppare rilevanti vantaggi economici, sociali e culturali valorizzando patrimoni edilizi e territoriali ora degradati, o comunque inadeguati sotto il profilo strutturale, tipologico, energetico e ambientale.

Condizione essenziale per un’azione realmente costruttiva è, ovviamente,  il totale e convinto rispetto dei territori, delle radici culturali e del genius loci, ma anche e sopratutto di quanto richiesto dal recente quadro normativo nazionale e internazionale in materia di green economy e in merito ai temi di sostenibilità e monitoring applicati all’ambiente costruito.
 

Nel convegno verranno analizzate da un punto di vista sia accademico che di produzione normativa e programmazione territoriale le tematiche correlate al restauro e alla ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano.

L’evento è strutturato in due parti, la prima basata su relazioni volte a definire e inquadrare i temi in discussione, cui seguirà una seconda sotto forma di tavola rotonda avente l’obiettivo di riflettere, sulla base delle più recenti esperienze, sulla coniugazione di efficaci strategie di sostenibilità e relative certificazioni, finalizzate ad una parte importante del patrimonio immobiliare e storico-culturale del nostro Paese e della valorizzazione delle competenze distintive di tutti gli attori della filiera che vengono coinvolti nelle opere.
 

Crediti Formativi
Architetti, Ingegneri 

Seguiranno a breve maggiori informazioni.

 

 



31 gen 2018

Mutui verdi in Italia: un workshop a Milano il 9 marzo

Il mercato dei mutui in Europa ha un valore superiore a 7.000 miliardi  di euro e rappresenta più di un terzo del capitale del settore bancario. Il potenziale che questo capitale ha di guidare il miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio costruito e di ridurre le emissioni climalteranti è enorme, ma attualmente non viene sfruttato.

Il Piano d’azione sui mutui per l’efficienza energetica - Energy Efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) - è un progetto innovativo che ha lo scopo di creare dei mutui per migliorare l’efficienza energetica degli edifici in Europa.

EeMAP riunisce le principali banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia e gli esperti di edilizia sostenibile per definire le basi di un mutuo verde in Europa e per sfruttare il valore di questo capitale allo scopo di migliorare le prestazioni energetiche e ambientali dei nostri edifici.

Il progetto mira a stabilire un approccio comune europeo per valutare, finanziare e premiare i mutui verdi, allo scopo di incrementare l’impiego della finanza privata nell’incentivare il mercato dell’edilizia green per raggiungere gli obiettivi climatici europei.

Se ne parlerà il 9 marzo a Milano nel workshop organizzato da UniCredit, GBC Italia e RICS in collaborazione con il consorzio EeMAP.

09 Marzo 2018 dalle 8:45 alle 14:00
Milano, UniCredit, Tower hall
Piazza Gae Aulenti n.3


Obiettivi del workshop

  • Lanciare le linee guida tecniche del progetto EeMAP
  • Lanciare il report di GBC Italia sul contesto nazionale per i mutui verdi
  • Conoscere le più recenti ricerche europee e le migliori pratiche sui mutui verdi, incluse le ricerche sui consumatori.
  • Discutere il feedback di esperti sulla proposta tecnica di EeMAP su come dovrebbero funzionare la valutazione delle prestazioni degli edifici per la concessione di un mutuo green diffuso a livello europeo.
  • Porre le basi per un laboratorio nazionale sui mutui green, che comprenda gli esperti chiave e le aziende che possono supportare la progettazione e la diffusione dei mutui green in Italia.


A chi è rivolto il workshop

Il workshop è rivolto ad aziende e organizzazioni interessate a conoscere le opportunità di business che la diffusione dei mutui green può offrire. Sono invitati a partecipare le banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia, i consulenti, gli auditor, architetti, ingegneri, imprese, ESCO, imprenditori e proprietari immobiliari. L’evento si focalizzerà principalmente sul mercato della riqualificazione e nuova costruzione del settore principalmente residenziale.

 

Per informazioni: internazionale@gbcitalia.org
 

Letture consigliate

EeMAP White Paper
EeMAP Report – Green Building Performance Indicators
EeMAP Report – Green Finance
EeMAP Report – Green Value


___________________________________________
 

  Keynote speaker

  Luca Bertalot
  Secretary General
  European Mortgage Federation


Luca Bertalot è il segretario generale della European Mortgage Federation - European Covered Bond Council (EMF-ECBC), una piattaforma di mercato che funge da catalizzatore e guida gli istituti di credito dell'UE e la comunità di obbligazioni garantite nelle discussioni con le istituzioni europee e gli stakeholders su tutte le questioni relative agli aspetti di retail e di finanziamento del mercato dei mutui. Luca è un esperto nel finanziamento dell'efficienza energetica negli edifici e sta guidando l'iniziativa sui mutui per l’efficienza energetica della EMF-ECBC in qualità di coordinatore del consorzio EeMAP.

___________________________________________

 


This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 746205. The sole responsibility for the content of this material lies with the authors. It does not necessarily represent the views of the European Union, and neither EASME nor the European Commission are responsible for any use of this material



20 feb 2018

In Italia la domanda di mutui verdi è alta

L’accesso a finanziamenti accessibili è stato a lungo l'ostacolo principale per realizzare interventi di efficientamento energetico da parte dei consumatori europei.


Tuttavia, un nuovo studio pubblicato da E.ON, un'importante utility attiva in diversi paesi Europei, dimostra che il prodotto finanziario proposto dall’iniziativa EeMAP, un mutuo per l’efficienza energetica, potrebbe essere proprio la risposta che molti stanno cercando. Lo studio è stato svolto nell’ambito dell’iniziativa EeMAP che mira a definire un nuovo mutuo per l’efficienza energetica in cui E.ON è partner e di cui GBC Italia sta guidando la fase di presentazione e attuazione a livello nazionale insieme ad Unicredit e RICS. L’iniziativa EeMAP ambisce ad incoraggiare le banche a offrire mutui con un tasso più conveniente o con un credito superiore a coloro che sono disposti a investire in proprietà energeticamente efficienti, aiutando così l’Europa a raggiungere i propri obiettivi climatici.


Con tutti gli schemi di finanziamento che hanno già dimostrato di riscuotere uno scarso interesse, perché questo prodotto dovrebbe essere scelto dai consumatori europei?
Questa è la domanda che si è posta E.ON, a supporto della bozza recentemente pubblicata dello strumento pilota che sarà lanciato la prossima estate da un gruppo di banche pioniere.


Con un ampio lavoro di consultazione, è stata presentata l’idea di mutuo per l’efficienza energetica a gruppi di consumatori in Germania, Italia, Svezia e Regno Unito. Le principali conclusioni sono:

  • L’idea è stata recepita molto positivamente in Italia, Svezia e Regno Unito, invece il suo interesse è più limitato in Germania, dove esiste già un simile programma statale di efficienza energetica
  • L'appeal per i consumatori è stato più alto in assoluto in Italia (80% ha risposto: molto/abbastanza allettante), seguito dal Regno Unito (il 66% ha risposto: molto/abbastanza attraente). Pertanto, l'Italia e il Regno Unito sono stati raccomandati tra i paesi europei più promettenti per lo schema pilota.
  • I consumatori gradiscono l'opzione di una riqualificazione energetica chiavi in mano, completamente gestito da una terza parte, ma allo sesso tempo vogliono poter perseguire un approccio più personalizzato.
  • I principali punti di forza del prodotto per il consumatore sono la capacità di supportare una migliore gestione finanziaria, una migliore gestione dell'energia e una migliore gestione del valore della proprietà.
  • Garantire audit energetici gratuiti come parte della misura risulterebbe un incentivo molto conveniente per i consumatori

Il report completo della ricerca di mercato svolta da E-ON è disponibile qui.
Per contribuire alla definizione dello schema pilota di mutuo per l’efficienza energetica, puoi partecipare alla consultazione pubblica rispondendo al sondaggio disponibile qui entro il 12 marzo.

_________________________________________
Questo articolo è parte di una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici.
Leggi gli altri articoli qui.



19 feb 2018

Cerchiamo un grafico – web designer

Siamo alla ricerca di candidati per la selezione di un grafico web designer che lavori all’interno di Green Building Council Italia nel settore dell’edilizia sostenibile.

Settore: Edilizia
Tipo di impiego: collaborazione
Sede: GBC Italia, Piazza Manifattura 1, 38068 Rovereto (TN)
 
Descrizione del lavoro:
Il candidato si occuperà principalmente di sviluppare tutte le attività di graphic design e di gestione dei canali digitali dell’associazione: dal website content management alla realizzazione di visual per social network e campagne adv, fino alla creazione di nuove pagine del sito web.
Il candidato ideale è una persona dedita al mondo del digital, della grafica web e del foto editing secondo le ultime tendenze di grafica pubblicitaria.

Ci aspettiamo di incontrare persone che dimostrino di possedere buone capacità comunicative e che abbiano un elevato spirito creativo, una forte passione per il proprio lavoro e una spiccata attenzione per le problematiche ambientali.


Competenze ed esperienze richieste:

  • Progettazione e realizzazione del materiale grafico a sostegno delle attività di comunicazione
  • Ottima conoscenza di Photoshop, Illustrator, InDesign, e LiveCycle o strumenti analoghi
  • Creazione e modifica di articoli e pagine web tramite CMS LifeRay
  • Capacità di realizzare lavori grafici coordinati a partire da concept strategici
  • Progettazione grafica e realizzazione di report attività
  • Capacità di lavorare in html e di utilizzare le piattaforme di email marketing e newsletter
  • Video editing & motion graphics
  • Capacità di autogestirsi e buona propensione a lavorare in team
  • Passione, creatività e sensibilità verso il mondo dei green building
  • Un’ ottima conoscenza della lingua inglese parlata e scritta.
  • La padronanza dei più comuni supporti informatici.
  • Dinamismo, capacità di lavoro sotto stress, proattività, orientamento ai risultati e non agli ostacoli.

 

Chi siamo:
Il Green Building Council Italia (GBC Italia) è un’associazione senza scopo di lucro cui aderiscono le più competitive imprese e le più qualificate associazioni e comunità professionali italiane operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile. È nata con l’obiettivo di favorire e accelerare la diffusione dell'edilizia sostenibile, guidando la trasformazione del mercato; sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sull'impatto che le modalità di progettazione e costruzione degli edifici hanno sulla qualità della vita dei cittadini; fornire parametri di riferimento chiari agli operatori del settore. L’associazione è membro del WorldGBC e partner di USGBC ed ha una presenza capillare su tutto il territorio italiano grazie ai Chapter , le sezioni locali dell’associazione. GBC Italia adatta alla realtà italiana e promuove il sistema di certificazione indipendente LEED® (Leadership in Energy and Environmental Design), i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a basso impatto ambientale.

Chiusura della raccolta di candidature:
Venerdì 2 marzo si chiude il periodo in cui è possibile candidarsi.

Come candidarsi:
Inviare il proprio CV e lettera motivazionale all’indirizzo e-mail: amministrazione@gbcitalia.org

 



16 feb 2018

Primo edificio certificato GBC Historic Building: le scuderie della Rocca di Sant’Apollinare

Sono le ex scuderie del Monastero benedettino della Rocca di Sant'Apollinare ad aggiudicarsi il primato della certificazione di GBC Historic Building per il restauro e la riqualificazione sostenibile degli edifici storici.

Il protocollo, realizzato da GBC Italia e sviluppato sulla base di LEED® (lo schema di certificazione più diffuso al mondo), unisce due culture edilizie: quella americana, dove nasce la famiglia di protocolli LEED®, e quella italiana, dove risiede il più ampio patrimonio al mondo di conoscenze e competenze sul restauro storico e conservativo. Uno standard innovativo nel quale convivono le esigenze di recupero di quella parte più pregevole e storica del parco edilizio nazionale con le indicazioni degli obiettivi europei di efficientamento energetico e riduzione dell’impatto ambientale dell’esistente.

La Rocca di Sant’Apollinare è un'antica abbazia benedettina situata nei pressi di Spina, in provincia di Perugia. Collocata su di un colle, la Rocca fu costruita nel X secolo come fortezza a difesa di una nobile famiglia locale.

L'edificio che un tempo ospitava le scuderie è stato oggetto di un complesso ed affasciante intervento di restauro, adeguamento sismico e di riqualificazione energetica commissionato dalla Fondazione per l’Istruzione Agraria. Il progetto, il cui responsabile scientifico è il Prof. Franco Cotana, ordinario di Fisica tecnica industriale presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia, è il frutto della collaborazione tra l'Università degli Studi di Perugia e un gruppo di aziende umbre scelte per l'esperienza dimostrata nel campo degli interventi di recupero, di consolidamento statico e di efficientamento energetico di edifici storici.

Le scuderie della Rocca di Sant’Apollinare hanno ottenuto il livello di certificazione ORO, con 72 punti su 110.

“L'edificio ci consentirà di realizzare una sorta di palestra per studenti dei corsi di laurea d’Ingegneria e del dottorato in Energia e Sviluppo Sostenibile - dichiara il prof. Franco Cotana - così come per i professionisti che lavorano sui temi del recupero e valorizzazione dei beni culturali nell'ottica della sostenibilità ambientale, dell'efficienza energetica ed anche della sicurezza sismica soprattutto in un'area come la nostra sensibile a tutti questi temi. L'edificio ed il complesso di Sant'Apollinare in generale sono infatti già sede di svariati eventi tecnico-scientifici e culturali che ci aiutano a disseminare questo messaggio fra gli studenti e la società stessa. Grazie al monitoraggio e controllo in remoto dei principali parametri ambientali sia indoor che outdoor e dei flussi energetici, possiamo tracciare in tempo reale le prestazioni dell'edificio-scuola ed utilizzare questi dati per mantenerle nel tempo.”

“In tutto il mondo si guarda con ammirazione alle realizzazioni architettoniche storiche italiane, non a quelle degli ultimi sessant’anni. – sostiene Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia - L’edilizia storica italiana è fonte di archetipi ripresi in tutto l’occidente; dal Rinascimento al Barocco l’Italia ha ridefinito il vivere civile e inventato l’arte del paesaggio. La community di GBC Italia ha tra i propri compiti quello realizzare strumenti pragmatici e applicabili, finalizzati anche a preservare e mantenere quella edilizia italiana avente valore storico-testimoniale che rappresenta uno tra i patrimoni culturali più belli al mondo. Per ricostruire un’immagine e una visione del nostro Paese, anche e soprattutto nelle aree recentemente funestate dal terremoto nel centro Italia, il protocollo energetico ambientale GBC Historic Building rappresenta uno strumento indispensabile per valorizzare il nostro patrimonio architettonico in linea con le richieste europee di riduzione delle emissioni degli edifici ed i recenti Criteri Ambientali Minimi per l’edilizia (CAM Edilizia) emanati dal Ministero dell’Ambiente.”

Il 22 febbraio si terrà presso il Campus di Ingegneria di Perugia la Cerimonia di Consegna della Targa e la Conferenza Stampa che celebrerà questo importante risultato. Seguirà il convegno: ”Sostenibilità ambientale e criteri ambientali minimi nella ricostruzione Post-Sisma.

Tra i relatori: il Magnifico Rettore dell’Università di Perugia Franco Moriconi, l’ex Ministro dell’Ambiente Corrado Clini, il vicepresidente di GBC Italia Marco Mari, il responsabile scientifico del progetto prof. Franco Cotana, il vicepresidente della Fondazione per l’Istruzione Agraria Francesco Panella, e molti altri.


Vedi il programma dell'evento