03 ago 2022

Pausa estiva

Ci fermiamo per ricaricarci, torneremo tra un paio di settimane. Intanto, la sostenibilità non va in vacanza…buona pausa estiva dal Green Building Council Italia.

Gli uffici saranno chiusi dal 05/08/2021 al 21/08/2021.

Non dobbiamo impegnarci in azioni grandiose ed eroiche per partecipare al cambiamento. Piccole azioni, se moltiplicate per milioni di persone, possono trasformare il mondo.
Howard Zinn 

 

Rivivi i momenti salienti di questa prima parte di 2022, guarda il video.



02 ago 2022

World Green Building Week 2022: le persone al centro dell'ambiente costruito

#BuildingforEveryone, è il tema della World Green Building Week 2022, in programma dal 12 al 16 settembre 2022. Un evento mondiale con un netto accento sulle persone che vivono gli edifici e una umanizzazione dell’approccio al mondo costruito. La WGBW è organizzata e promossa dal World Green Building Council e animata dalla rete globale di oltre 70 Green Building Council e supportata dai 36.000 membri che ne fanno parte.

GBC Italia, come di consueto, sarà promotore di numerosi eventi. Per partecipare e conoscere le diverse iniziative scrivi ad eventi@gbcitalia.org

I dati dell’OMS, del resto, non lasciano campo ad alibi: il solo inquinamento atmosferico uccide oltre sette milioni di persone l'anno. I membri più vulnerabili delle nostre comunità sono gravemente colpiti dalla crisi energetica e dal costo della vita. E ancora, 1,6 miliardi di abitanti delle città saranno regolarmente esposti a temperature estremamente elevate, esposte a rischio grave di siccità e incendi; 1,6 miliardi di persone non avranno accesso a un alloggio sicuro e adeguato entro il 2025; più di 570 città con oltre 800 milioni di residenti saranno vulnerabili all'innalzamento del livello del mare e alle inondazioni costiere; dal punto di vista macroeconomico, il cambiamento climatico mette a rischio 16 trilioni di dollari di valore per gli asset immobiliari residenziali e 5 trilioni di dollari per gli asset commerciali globali. Questo è lo scenario che avremo davanti se non dovessimo adeguatamente agire entro il 2050.

È improrogabile aumentare le soluzioni che prediligano ambienti costruiti sostenibili a basse emissioni di carbonio e, al tempo stesso, altamente resilienti. Da questo punto di vista gli edifici sostenibili rafforzano la risorsa più importante delle nostre economie: quella naturale. La spinta verso una vera economia circolare e rigenerativa sarà il booster per nuovi posti di lavoro, oltre che per un netto risparmio energetico.

Durante la World Green Building Week, la rete globale si unisce non solo idealmente per accelerare la diffusione della sensibilità nei confronti di un ambiente costruito sostenibili per tutti, a tutte le latitudini.
L'ambiente costruito è parte della sfida ma anche della soluzione.

Fai la tua parte e partecipa con le tue attività alla World Green Building Week 2022, #BuildingforEveryone

Puoi segnalare la tua iniziativa nella Mappa Mondiale delle Attività a questo link

 



29 lug 2022

Progettisti green nell’era della digitalizzazione | Webinar 29 settembre

Decarbonizzazione, digitalizzazione, LCA, BIM, CAM, Embodied carbon, Whole Life Carbon, standard energetico ambientali: sono questi alcuni concetti chiave del nuovo modo di costruire di oggi sui quali verterà il webinar di GBC Italia del prossimo 29 settembre dal titolo: "Progettisti green nell’era della digitalizzazione".

ISCRIVITI QUI
 

La lotta al cambiamento climatico ha imposto nuove modalità e criteri di progettazione, costruzione e manutenzione degli edifici. L’economia circolare è un principio cardine per la riduzione delle emissioni di gas serra e per contenere l’innalzamento della temperatura sotto i 2 gradi centigradi.

Con queste esigenze sono nate nuove professionalità nel settore che si caratterizzano per il fatto di essere “ibride”, trasversali, multidisciplinari, che spaziano da competenze tecnico-scientifiche specifiche alla capacità di fare squadra e di coordinamento, dall’apertura al cambiamento alla capacità di tenersi sempre in aggiornamento e in connessione con il contesto e con le persone con cui si lavora. Se pensiamo alla metodologia di lavoro in BIM, ha il suo perno nella collaborazione e nella trasparenza delle condivisioni fra diverse discipline e modelli parziali, richiede skill di coordinamento, leadership e osservazione ad ampio raggio di un progetto nel suo complesso.

Come è cambiato quindi il modo di progettare? E quali sono le nuove competenze con cui i professionisti si imbattono oggigiorno?

Il webinar, appartenente al ciclo di eventi “Green Building: attori e soluzioni per un’edilizia sostenibile”, si propone di raccontare le principali trasformazioni nel settore della progettazione e alcune soluzioni di prodotto e di servizio,  attraverso  testimonianze dirette e cercherà di fornire alcune indicazioni per un aggiornamento professionale sulla base delle più recenti innovazioni.

Scarica la locandina con il programma completo: clicca qui.


Evento realizzato con il supporto di:



01 ago 2022

Formazione LIFE Level(s) Academy: proroga dei corsi gratuiti e crediti professionali

Sono duecentocinquanta gli iscritti alla LIFE Level(s) Academy che hanno scelto i percorsi formativi gratuiti offerti dalla piattaforma per accrescere le loro competenze in tema di: Life Cycle Assessment (LCA), Life Cycle Cost (LCC), Qualità dell'Aria Interna (IAQ), Environmental Product Declaration (EPD).

La formazione, output del progetto LIFE Level(s) di cui GBC Italia è partner, è rivolta a tutti gli attori pubblici e privati della filiera edilizia con l’obiettivo di contribuire ad accrescere la consapevolezza ambientale nel settore, con particolare riferimento all’intero ciclo di vita degli edifici.

L’aumento esponenziale degli iscritti in quest’ultimo periodo a ridosso della pausa estiva, insieme alle numerose richieste in merito, ha spinto GBC Italia a prolungare l’accesso gratuito ai corsi dell’Academy sino al 31 ottobre 2022.

Questa, però, non è l’unica novità.

I corsi della LIFE Level(s) Academy permettono anche di contribuire al mantenimento delle credenziali dei professionisti LEED GA , LEED AP , WELL AP e GBC AP secondo le seguenti modalità:

LEED GA
corsi LCA: 5 GENERAL CE HOURS
corsi BP4P: 2 CE HOURS
LEED AP
corsi LCA: 5 GENERAL CE HOURS
corsi BP4P: 2 CE HOURS
WELL AP
corsi BP4P: 2 CE HOURS
GBC AP
corsi LCA: 5 GENERAL CE HOURS
corsi BP4P: 2 CE HOURS
 

Le ore CE generali sono definite come attività pertinenti a concetti generali di bio edilizia quali la sostenibilità ambientale, la salute umana, la resilienza e l'economia circolare.

Il progetto LIFE Level(s)

Il progetto Life for LCA LCC Level(s) - LIFE Level(s) - intende incrementare gli edifici sostenibili in Europa attraverso una maggiore consapevolezza e utilizzo del quadro Level(s), costituito da una serie di indicatori comuni a livello Europeo, per affrontare le prestazioni ambientali degli edifici nel corso del ciclo di vita.

Gli indicatori chiave all'interno di Level(s) sono la valutazione del ciclo di vita (LCA), il costo del ciclo di vita (LCC) e la qualità dell'aria interna (IAQ). Il progetto LIFE Level(s) ha ricevuto finanziamenti dal Programma LIFE dell'Unione Europea. Il progetto si è sviluppato in tre anni, dal 2019 al 2022.

I partner impegnati nell'esecuzione del progetto e nell'attuazione dei suoi risultati sono 8 Green Building Council europei, riconosciuti per il loro contributo alla diffusione dei principi dell’edilizia green e alla promozione della protezione dell'ambiente e dei valori di efficienza energetica.



28 lug 2022

4 passi per ridurre l’impronta ambientale degli edifici e raggiungere l'obiettivo europeo del 55% entro il 2030

Per ridurre le emissioni di CO2 degli edifici l'Unione Europea richiede alle aziende di dimezzare la propria carbon footprint entro il 2030. Effettuare un'analisi completa, implementare processi di efficienza energetica ed attuare un monitoraggio completo e continuo, sono alcuni dei consigli evidenziati nel libro bianco di Deepki, azienda socia di GBC Italia.

I cambiamenti climatici rappresentano attualmente uno dei principali argomenti di confronto e di preoccupazione per il futuro della pianeta. Uno dei settori più coinvolti è sicuramente quello immobiliare sia per il suo necessario impegno verso azioni di mitigazione climatica, sia per la sua necessità di adattamento e risposta ai rischi climatici, questi ultimi particolarmente critici per le implicazioni sul valore dei propri portafogli. Per raggiungere questo obiettivo, una delle azioni da attuare è quella di iniziare in maniera graduale il percorso si decarbonizzare degli asset, dato che nel 2019 si è arrivati a toccare il livello più alto di emissioni secondo il Global Status Report on Buildings and Construction 2020 della Global Alliance for Buildings and Construction (GlobalABC).

Attualmente l’ambiente costruito è responsabile del 38% delle emissioni di CO2 e del 40% dell'energia utilizzata. Per questo motivo, l'Unione Europea sta creando dei piani di recupero che si riflettono nella normativa Europea sul clima, dove il Fit for 55% è solo il primo passo per raggiungere in modo graduale l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050.

Questi traguardi sono molto ambiziosi, in quanto in soli otto anni viene richiesto di eliminare più della metà dell'impronta di carbonio esistente. Per raggiungere questo obiettivo è fondamentale che le società si assumano la responsabilità e si impegnino in un'analisi globale e congiunta che preveda azioni concrete per contribuire a promuovere la sostenibilità degli edifici, fornendo così risposte positive alle esigenze ambientali e sociali. In questa ottica, Deepki, azienda che offre una piattaforma di ESG data intelligence (ambientali, sociali e di governance) specializzata nel settore immobiliare, presenta una guida in quattro fasi per aiutare le società del Real Estate a ridurre efficacemente l'impronta ambientale dei loro edifici:

1. Analisi globale del proprio portafoglio immobiliare: il primo passo consiste nel sapere quanti sono gli asset gestiti al fine di effettuare un’analisi completa e comprendere il consumo di tutto il portafoglio immobiliare e del singolo asset. Per questa analisi, l'automazione della raccolta dati esistenti e la mappatura delle fatture e degli asset saranno essenziali per rilevare il consumo totale dell'attività. Allo stesso tempo, è molto importante seguire e controllare che ogni singola fattura sia corretta, per evitare errori che influiscono sul report di sostenibilità dell'azienda. Inoltre, è importante conoscere i contratti in vigore. In molte occasioni vengono firmati accordi in cui il consumo di elettricità è maggiore anche se illimitato e senza penali, il che nel lungo termine ha ripercussioni sia economiche che energetiche. In questo caso è consigliabile ricorrere ad algoritmi automatizzati che garantiscono un limite stabilito che si adattano alle esigenze dell'azienda aiutandola a ridurre il consumo energetico.

2. Utilizzare processi che accelerino l'efficienza energetica: una volta completato lo step precedente, è necessario implementare processi di efficientamento energetico. A tal fine è necessario confrontare e analizzare tutti gli edifici del parco immobiliare e quelli della concorrenza, nonché tenere conto dei report e dei dati della pubblica amministrazione per individuare gli asset che presentano consumi anomali (tenendo sempre presente che non tutti hanno le stesse condizioni o sono situati nello stesso luogo). Il passo successivo è quindi quello di correggere i dati di consumo che la piattaforma ha segnalato e di ricorrere al “clustering” dei dati per avviare il processo di efficienza energetica sugli immobili che consumano di più.

3. Creare un piano strategico: in questa fase è il momento di passare all'azione, selezionando le giuste strategie per ridurre al minimo il consumo energetico. Ciò richiede un investimento iniziale che nel lungo e breve termine porterà molti benefici. Potete iniziare, ad esempio, con il sensibilizzare i vostri team: un piccolo passo che prelude ad azioni più ampie.

4. Selezionare un tool che porti ad una riduzione del consumo energetico per tutte le parti coinvolte: infine, il processo illustrato precedentemente non avrà successo senza uno strumento di monitoraggio collaborativo che permetta di conoscere lo stato di ogni parte del processo e lo status degli obiettivi stabiliti. Questo tool segnala anche l'efficienza delle azioni calcolando la riduzione del consumo energetico attraverso una proiezione grafica che calcola i consumi prima e dopo l’inizio di nuove azioni.

Per scaricare il whitepaper completo, clicca qui.